CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cronaca

Ariano - Rivolta dei detenuti in carcere: la Procura indaga sul caso

Ariano - Rivolta dei detenuti in carcere: la Procura indaga sul caso

Caos in carcere ad Ariano Irpino, dove nella giornata di ieri cento detenuti in rivolta hanno costretto due agenti della penitenziaria a rimanere sotto la minaccia dei soggetti in questione. La protesta è scoppiata nel primo pomeriggio di ieri con minacce al personale, lancio di oggetti fino ad arrivare ad un grave atto che ha portato a chiudere un agente nello stanzino dell'infermeria per un'ora.
Per ristabilire l'ordine in carcere sono intervenuti gli uomini della Polizia, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza giunti sul posto in tenuta antisommossa.
Così da struttura modello il Carcere di Ariano è ora sotto stretta sorveglianza. Il direttore Gianfranco Marcello, da parte sua, subito dopo l'increscioso episodio ha provveduto ad isolare il nuovo padiglione cercando di superare i problemi che hanno scatenato la protesta.
Il caso ha fatto scattare la massima attenzione da parte dei rappresentanti della Procura e della Polizia Penitenziaria che hanno avviato le indagini sulle quali c'è il massimo riserbo.
La tensione è cominciata martedì quando alcuni detenuti hanno aggredito un agente pretendendo di essere visitati dal medico senza rispettare tempi e regole, ma l'apice della rivolta si è avuta nella giornata di ieri quando un gruppo di detenuti "a custosia aperta", stando alle prime ricostruzioni, avrebbero forzato il cancello d'ingresso dell'infermeria con l'intenzione di non attendere i tempi previsti. Hanno cominciato a spingere un agente che tentava di mantenere l'ordine. L'ingresso dei detenuti è stato limitato, ma due facinorosi hanno cominciato ad aggredire i due agenti presenti con calci e pugni, fino a quando è stato azionato l'allarme che ha permesso l'arrivo di altro personale che ha limitato i danni. I due agenti se la sono cavata con ferite guaribili in pochi giorni.
Intanto sono scattate le polemiche anche dal Sappe sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

Condividi: