CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Attualità

Caso Aias - Rigettata l'istanza di accreditamento definitivo con un decreto regionale

Caso Aias - Rigettata l'istanza di accreditamento definitivo con un decreto regionale

La vicenda legata al Centro Aias di Avellino continua con nuovi risvolti in un certo senso previsti. Sul Burc della Regione Campania è stato pubblicato il decreto commissariale con il quale è stata rigettata "l'istanza di accreditamento istituzionale definitivo per l'attività in regime ambulatoriale di recupero e rieducazione funzionale e per l'attività di Centri Ambulatoriali di Riabilitazione presentata dalla struttura sanitaria "Aias Onlus" Avellino", così come si legge sul Bollettino Ufficiale.
Il provvedimento firmato dal Governatore De Luca è arrivato proprio mentre le attività dell'Aias sono state sospese dopo le ispezioni di Nas e Guardia di Finanza nei giorni scorsi. 
La Direzione Generale per la Tutela della Salute, nell'ambito dell'inchiesta, per vederci chiaro aveva chiesto all'Asl di Avellino "di relazionare in ordine alle vicende relative alla struttura sanitaria Aias". Insomma i manager che si sono succeduti dal 2013 sono stati invitati a spiegare perché, dopo che nel 2013 era stata attestata l'assenza dei requisiti idonei per la struttura di portare avanti le attività sanitarie, non è stato fatto nulla per fermare tali attività.
Attualmente, in seguito al riscontro fornito dai vertici Asl, su richiesta della Direzione Generale per la Tutela della Salute, la Direzione regionale ha evidenziato la competenza dell'Asl ad adottare eventuali provvedimenti in caso di assenza dei requisiti minimi per l'erogazione di prestazioni sanitarie. Successivamente, in seguito ad un ulteriore controllo, la Morgante ha confermato: "l'assenza dei requisiti in capo alla struttura richiedendo la conclusione del procedimento di accreditamento istituzionale definitivo".
Per questo motivo è stato emanato il decreto regionale che ha rigettato l'istanza di accreditamento definitivo. Ora, tuttavia, l'Aias potrà ricorrere al Tar per far valere la propria posizione.

Condividi: