CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Attualità

Congresso Pd - Ancora tante difficoltà ed Ermini si appella a Roma

Congresso Pd - Ancora tante difficoltà ed Ermini si appella a Roma

La questione tesseramento e Congresso del Pd avellinese risulta sempre più complessa e senza un'apparente via d'uscita. Per tale motivo il commissario David Ermini ha deciso di inviare una missiva ai vertici del Pd nazionale per spiegare la situazione che si è delineata in Irpinia mettendo in evidenza tutte le difficoltà che si stanno riscontrando nelle operazioni di verifica dei numeri del tesseramento a cui si aggiunge anche una realtà frammentata dove alcuni circoli non hanno neppure una sede.
Stando così le cose è molto probabile, dunque, che il Pd nazionale decida di archiviare il tutto e di nominare Ermini commissario politico con tutte le conseguenze che questo comporterebbe soprattutto in termini di candidature in vista delle prossime elezioni politiche.
Insomma il Pd irpino naviga nel caos più totale, ma Ermini non sembrerebbe intenzionato ad arrendersi anche perché un altro po' di tempo a disposizione c'è: le candidature per la segreteria devono essere presentate entro il 16 ottobre. Ovviamente prima di arrivare ad ufficializzare i nomi dei candidati dovranno essere risolti tutti i problemi relativi al tesseraemento.
Le anomalie riguardano soprattutto il numero delle tessere sottoscritte in due giorni: circa 3500. Un numero troppo alto che lascia presupporre delle irregolarità nelle operazioni di tesseramento che ora lasciano due opzioni ad Ermini: accettare tutte le nuove tessere mettendo da parte le presunte irregolarità, oppure sfoltire le fila degli iscritti scatenando così malumori e ricorsi che si andrebbero a sommare a quelli già in corso.
La scelta è difficile, ma soprattutto risulta arduo capire anche se andare a Congresso o meno. In entrambi i casi la situazione risulterebbe critica: arrivare all'Assise provinciale in queste condizioni acuirebbe le polemiche; non andarci lascerebbe ancora una volta tutto in sospeso, con un Pd irpino senza guida come ormai avviene da due anni a questa parte.

Condividi: