CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Attualità

Foti replica alla Morgante: "Afferma cose non vere e non risponde al telefono.."

Foti replica alla Morgante:

Continuano le polemiche sul tema sanità e sul mancato incontro  in Consiglio provinciale tra Asl, rappresentanti regionali e amministratori locali. In questo orizzonte si collocano anche i " chiarimenti " tra il sindaco di Avellino Paolo Foti e il direttore generale dell'Asl Maria Morgante. Alla luce delle parole della Morgante che ha dichiarato di non aver partecipato al Consiglio provinciale di ieri perché non invitata, è arrivata anche l'immediata replica di Foti intervistato dai giornalisti in occasione delle celebrazioni per la Festa delle Forze Armate.
Inoltre la Morgante in un lungo comunicato rilasciato nella giornata di ieri dopo il caos generatosi per il mancato incontro in Provincia, si è giustificata dicendo che il Comitato di Rappresentanza dei Sindaci non è costituito e non si riunisce da tre anni, dunque è difficile avere un confronto con tutti i rappresentanti politici locali, andando a sollecitare lo stesso Foti che presiede la conferenza dei Sindaci a "costituire il Comitato di Rappresentanza dei Sindaci, considerato luogo naturale e necessario a supportare la Direzione di questa Azienda per una migliore e più puntuale conoscenza delle problematiche sanitarie ed anche sociali del territorio e fornire risposte ancor più adeguate alle esigenze della popolazione".
Pronta la risposta di Foti che molto contrariato ha dichiarato: "La dottoressa Morgante afferma cose non vere. Dovrebbe avere l’educazione di rispondere al telefono quando a chiamarla è il Sindaco di Avellino. Ho provato a contattare Morgante più volte e non ho avuto il piacere di essere richiamato, visto che non mi ha mai risposto".
Insomma lo strappo innescato ieri dal flop della seduta in Provincia, continua ad allargarsi sempre più vedendo contrapposti gli uni agli altri gli attori in campo. Da un lato la Morgante si giustifica dicendo di non essere stata mai invitata e di essere sempre presente per ascoltare le esigenze dei sindaci, dall'altro primo cittadino che smentisce il tutto, denunciando: "Ho incontrato il Direttore Generale dell’Asl lo scorso anno per confrontarci sul vecchio atto aziendale, alla presenza dei miei colleghi di Sant’Angelo dei Lombardi, Montoro e Solofra. Prendo atto che la dottoressa evita il confronto, ma poi fa i proclami per spazzare il pallone dall’altra parte del campo. Ha evitato il confronto in Consiglio Provinciale, una scortesia senza precedenti".
"Evidentemente la Morgante si confronta solo con i Consiglieri Regionali e su questo fa bene però, al contempo, sbaglia perché i Consiglieri Regionali hanno sì diritto a conoscere l’atto aziendale, ma non può confrontarsi solo con loro. È una questione che non avrei nemmeno voluto commentare, ma ammetto di essere, francamente, un po’ urtato da queste dichiarazioni senza senso", ha concluso Foti con eviente riferimento alla riunione tenutasi ieri all'Asl contemporaneamente al Consiglio provinciale dove i rappresentanti istituzionali hanno pensato bene di non presentarsi, scatenando così la furia degli amministratori locali.

Condividi: