CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cronaca

Ancora una forte scossa in Molise avvertita al Centro Sud

Paura a Roma, nel reatino, Puglia, Abruzzo e in tutte le province campane.

Ancora una forte scossa in Molise avvertita al Centro Sud

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in Molise e in Abruzzo. La scossa, di magnitudo 5.2, è stata registrata dalla sala Sismica Ingv-Roma alle 20.19. L'epicentro è a 4 km a sud est di Montecilfone, in provincia di Campobasso, a una profondità di 9 km. La gente si è riversata in strada. Il sisma è stato avvertito in Abruzzo, Molise, Puglia e persino a Roma, Napoli, le province campane e in Irpinia. La scossa, molto lunga, ha spaventato residenti e turisti soprattutto sulla costa di Molise e Abruzzo, mentre è stata avvertita di meno nell'Aquilano il cui territorio insiste su una dorsale diversa. Numerose repliche: alle 20.30 sisma di 3.0 con epicentro Larino. Rispetto a martedì notte, la scossa ha spaventato molto di più perché ha sorpreso a tavola per cena la maggior parte delle persone e si e' riproposta dopo la scossa della vigilia di Ferragosto delle 23.48 .
Paura anche a Campomarino  dove in tanti sono scesi in strada. La scossa di terremoto è stata avvertita distintamente e ci sono stati anche dei malori. A Campomarino non si segnalano danni, mentre a Palata (Campobasso) si registrano oggetti caduti nelle case, con piatti, bicchieri in frantumi e mobili spostati. Secondo una prima ricognizione, a Palata ci sono crepe nei muri e danni interni alle abitazioni.
Secondo quanto si apprende dalla Protezione civile del Molise, non sono ancora pervenute segnalazioni di danni. Sono in corso le verifiche con i sindaci di una ventina di comuni coinvolti.
La scossa e' stata  avvertita anche in Campania.  La sala di monitoraggio dell'Osservatorio vesuviano e' stata subissata dalle telefonate di cittadini preoccupati. Ampia l'area in cui il sisma è stato avvertito. A Napoli città come nell'entroterra vesuviano, ma anche nelle zone interne dell'Avellinese, Mercogliano, Atripalda, Avella, Ariano, Montella, Alta Irpinia e del Sannio. Al momento non si ha notizia di danni a cose o persone. Nel capoluogo partenopeo la scossa è stata avvertita anche ai piani più bassi degli edifici.
A seguire sono state avvertite altre due scosse: una di magnitudo 2.8 è stata registrata alle 20.26, stavolta a sei km a sud di Montecilfone e a una profondità di 8 km, e una terza di magnitudo 3 a sei km da Guglionesi. Quelle di questa sera arrivano a meno di 48 ore dalla scossa di 4.7 registrata poco prima della mezzanotte di Ferragosto tra i Comuni di Palata e Montecilfone.

Condividi: