CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cronaca

Atripalda, fa ubriacare e violenta la vicina: arrestato dai carabinieri

Atripalda, fa ubriacare e violenta la vicina: arrestato dai carabinieri

I Carabinieri di Atripalda hanno arrestato nel pomeriggio di ieri con l’accusa di violenza sessuale aggravata un 58enne di contrada Alvanite.  I militari sono intervenuti su segnalazione di un 33enne del posto che, rincasando dopo il lavoro, aveva trovavo la madre 53enne nuda e in stato d’incoscienza sul divano, con chiari segni di colluttazione e, verosimilmente, di violenza sessuale.
Contestualmente ai carabinieri, sono giunti sul posto gli uomini del locale “118” che hanno prestato le prime cure alla donna svenuta per poi trasportarla, ancora in stato d’incoscienza, all’Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino.
In base alla testimonianza del giovane, che ha racconto di aver trovato al suo rientro nell’appartamento la madre svenuta in compagnia del vicino di casa, i carabinieri si sono recati nell’abitazione di fronte, abitata da un uomo classe 1952, ben noto ai militari dell’Arma a causa del figlio detenuto domiciliare, rintracciandolo in evidente stato di ubriachezza. L’uomo inoltre presentava chiari e freschi segni di colluttazione consistenti in graffi sanguinanti sulla fronte e sul viso, nonché un ematoma sotto l’occhio destro.
Il 58enne presunto stupratore è stato accompagnato presso la caserma di Atripalda dove è stato interrogato. L’abitazione della donna è stato oggetto di sopralluogo da parte dei militari che hanno accertato la presenza di tracce ematiche, di un bottone di piccole dimensioni certamente saltato da qualche indumento strappato, di un bric di vino bianco vuoto e di un mazzo di chiavi appartenenti proprio all’uomo portato in caserma.
I medici dell’Ospedale S.G. Moscati di Avellino hanno confermato la presenza di chiare lesioni da violenza carnale sul corpo della donna, la quale ha dichiarato di voler denunciare l’uomo.
Secondo il suo racconto, poco prima delle 16:00, il suo aggressore era venuto a farle visita in casa, avevano parlato e bevuto del vino e l’uomo aveva iniziato a farle delle esplicite avances. La donna l’aveva fermamente rifiutato ma, all’improvviso, l’uomo l’aveva afferrata con forza, scaraventata sul divano e costretta a stendersi. Da quel momento in poi, la donna non ricorda più nulla perché ha perso conoscenza, risvegliandosi solo una volta raggiunto l’ospedale.
Per quanto riguarda le motivazioni del gesto, pare che l’aggressore continuasse a sostenere che da tempo amava la malcapitata, seppur lei non ricambiasse affatto quel sentimento, e che già in altre occasioni quell’uomo avesse provato ad avere un approccio con lei, venendo però sempre rifiutato.
Il 58enne atripaldese è ora rinchiuso presso la Casa Circondariale di Avellino.

Condividi: