CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cronaca

Frigento - Massacrò i genitori inneggiando Satana: assolto Ivano Famiglietti

Frigento - Massacrò i genitori inneggiando Satana: assolto Ivano Famiglietti

Nella mattinata di ieri la Corte d'Assise di Avellino ha emesso la sentenza a carico di Ivano Famiglietti, il 27enne di Frigento che due anni fa massacrò i genitori a colpi d'ascia. Per i giudici Ivano è incapace di intendere e di volere e per tale motivo è stato assolto per il suo brutale omicidio.
I fatti si sono svolti a Frigento nel novembre del 2015 quando Ivano, in preda ad un raptus di follia, inneggiando Satana e impugnando un'ascia colpi' ripetutamente alla testa il padre Michele (55 anni). Poi si scaglio' sulla madre Maria Covino (54 anni) uccidendola allo stesso modo.
Dopo aver commesso l'efferato omicidio, Ivano fu trovato accanto ai corpi insanguinati fino all'arrivo dei Carabinieri, allertati da una sorella dell'imputato che aveva fatto la macabra scoperta.
Quando giunsero i soccorsi, Ivano farneticava e nel corso degli anni non ha mai dato una spiegazione del suo brutale gesto. Il giovane, tuttavia, era già in cura presso un centro di igiene mentale e più volte in paese lo avevano segnalato come un soggetto violento. Inoltre nel corso delle indagini è emersa la sua venerazione per il demonio, manifestatasi anche in altre occasioni.
I medici che hanno preso in carico il caso hanno evidenziato un vizio totale di mente di Ivano Famiglietti al momento dei fatti, ma anche la sua elevatissima pericolosità sociale e l'incapacità di partecipare coscientemente al processo. Per tali motivi è stata decisa l'impunibilità dell'imputato che attualmente è in cura in una struttura riabilitativa per malati psichiatrici. 

Condividi: