CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cronaca

Stupro dell'Aquila- Parla il Procuratore ''E' stato usato uno strumento metallico, di ferro''

Il titolare del locale ''Sembrava un ragazzo tranquillo, non credevo fosse capace di tanta violenza''

Stupro dell'Aquila- Parla il Procuratore ''E' stato usato uno strumento metallico, di ferro''

E’ stato il Procuratore capo della Repubblica dell'Aquila, Alfredo Rossini, a sciogliere le riserve in merito allo stupro dell’Aquila parlando dell'oggetto utilizzato dal militare irpino di 21 anni arrestato ieri per tentato omicidio e violenza sessuale nei riguardi della studentessa universitaria di 20 anni di Tivoli “Nello stupro è stato utilizzato uno strumento metallico, di ferro “ ha detto confermando quanto scritto nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei riguardi del militare appartenente al 33/Esimo reggimento di artiglieria terrestre "Acqui" dell'Aquila, si afferma che non c'è stato rapporto sessuale nel senso tradizionale del termine, la violenza sessuale è stata praticata con efferatezza utilizzando appunto un corpo estraneo del quale il militare si sarebbe disfatto e mai ritrovato per l'abbondante presenza di neve “E' un fatto gravissimo- ha aggiunto Rossini-  quello a cui abbiamo assistito, perchè ci sono degli aspetti che senz'altro si collegano con il fatto sessuale ma specialmente c'è la violenza”. Intanto è stato fissato per martedì 28 febbraio l'interrogatorio di garanzia del militare, il ventenne continua a sostenere che l'universitaria era consenziente. La studentessa è ancora ricoverata in stato di choc nel reparto di Ginecologia dell'ospedale dell'Aquila. Le cose intanto sembrano tornare alla normalità a L’Aquila come conferma Luigi Marronaro titolare della discoteca "Guernica sarà riaperta domani, dopo il grave fatto, abbiamo aumentato la sicurezza all'interno del locale e previsto un metronotte all'esterno. La discoteca è stata dissequestrata dopo i dieci giorni di chiusura stabilita dal questore su richiesta dei carabinieri. Abbiamo deciso di riaprire perché, nonostante ancora scioccato da quanto accaduto, dobbiamo andare avanti perché questo è il nostro lavoro. Tuccia sembrava un ragazzo tranquillo non avrei pensato che fosse capace di una violenza così grave” ed aggiunge “a vedere il ragazzo che abbiamo bloccato e che poi è rimasto tranquillo per tutta la notte fino alle 8 di mattina nella discoteca mentre i carabinieri facevano le indagini, non avrei pensato che fosse capace di una violenza così grave. A me ha detto ‘l'ho solo baciata e avuto un rapporto sessuale’. “ Il titolare della discoteca è stato il primo a soccorrere la ragazza salvandole la vita, fuori dal locale c’erano infatti 10 gradi sotto zero e la giovane era priva di sensi ed insanguinata in mezzo alla neve ”In trenta anni di attività - prosegue - al di là di scaramucce risolte con l'intervento degli addetti della sicurezza, non mi era mai successo nulla del genere. Ho avuto paura che la ragazza morisse. Qualcuno mi ha detto che ho sbagliato a muoverla, ma non ci ho pensato un attimo a trasferirla all'interno perché altri cinque minuti lì fuori e avrebbe rischiato seriamente di morire”

Condividi: