CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cultura ed Eventi

Gesualdo - Rassegna "Il volo dell'Angelo" : chiusura con Beppe Barra e Luca Pugliese

Gesualdo -  Rassegna

Sabato, 20 ottobre, alle 16.30, nella chiesa del S.S. Rosario, a Gesualdo, si terrà il convegno conclusivo sui risultati raggiunti dalla rassegna “Il volo dell’angelo” con la direzione artistica del regista Roberto Flammia. A seguire, alle 19.00, la performance di due straordinari artisti, Peppe Barra e Luca PuglieseÈ l’ultimo appuntamento del progetto ammesso a finanziamento dalla Regione Campania nell’ambito della linea strategica “Eventi per la promozione turistica e la valorizzazione dei territori”.

 

         Sarà il raffinato sodalizio artistico tra Peppe Barra e Luca Pugliese a chiudere, in bellezza, il progetto “Il volo dell’angelo”, promosso dal Comune di Gesualdo e ammesso a finanziamento dalla Regione Campania nell’ambito della linea strategica “Eventi per la promozione turistica e la valorizzazione dei territori”I due artisti si esibiranno alle 19.00,nella chiesa del S.S. Rosario, a Gesualdo, dopo il convegno conclusivo sui risultati raggiunti dalla rassegna che inizierà alle 16.30 e sarà moderato dal giornalista Aldo Balestra, redattore capo de “Il Mattino”Dopo i saluti istituzionali del sindaco EdgardoPesiri e del parroco del paese Padre Enzo Gaudio, interverranno gli artefici del progetto, il prof. Carlo Santoli (curatore scientifico), il dott. Vincenzo Fedele (ideatore) e il registaRoberto Flammia (direttore artistico).

Seguirà la proiezione del docu-film sul “Volo dell’angelo”, la secolare manifestazione durante cui ogni anno, a Gesualdo,  si mette in scena una feroce disputa dialettica tra l’angelo e il diavolo, tra il bene e il male. «Prodotto e realizzato dal Comune di Gesualdo per valorizzare l’evento più importante della comunità gesualdina, il “Volo dell’angelo, - ha anticipato Roberto Flammia, direttore artistico del progetto - il docu-film è un prodotto narrativo che racconta lo svolgimento e la storia della secolare manifestazione attraverso riprese documentaristiche e una serie di interviste che ne mettono in luce gli aspetti storici, culturali e religiosi, compresa la tradizione e il culto per San Vincenzo Ferreri».

«Il progetto - continua Flammia - , iniziato il 25 agosto scorso, e che ha abbracciato vari settori, dall’arte alla tradizione, alla musica, si chiuderà il 20 ottobre con questo evento speciale e unico  dedicato al “Volo dell’angelo”, ossia l’interpretazione del testo antico del “Volo” da parte di  Peppe Barra, tra i più importanti artisti del teatro napoletanocontemporaneo. La lettura del manoscritto sarà accompagnata dagli strumenti di Luca Pugliese». Il poliedrico artista, che attraverso le “possessioni” mimico-gestuali della suamaschera e le qualità formidabili della sua voce, riesce a unire la tradizione colta con quella popolare, è un esempio unico di memoria tra il barocco napoletano del Cinque-Seicento e la sua evoluzione moderna, sino alla contemporaneità della world music. Narratore instancabile della sua città, ha da sempre interpretato con maestria e originalità la musica eil teatro, in continua oscillazione tra tradizione e innovazione.

 

La performance di Peppe Barra sarà anticipata dall’esibizione di Luca Puglieseilcantautore raffinato, one man band (voce, chitarra e percussioni a pedale), che porta in scena il background più profondo di un’esperienza musicale da sempre aperta alla contaminazione e costantemente alla ricerca di nuove suggestionitra cui partenopee e quelle provenienti dal mondo latino.

 

Il ritmo del concerto di Luca Pugliese sarà segnato da atmosfere e umori diversissimi, all’insegna della contaminazione e della mescolanza armonica. La contaminazione tra sonorità e ritmi occidentali, mediterranei e latini di Déjà vu, l’ultimo album, e la mescolanza armonica di brani tradizionali del Sudamerica, musiche popolari del Suditalia e classici della canzone napoletana e del repertorio cantautorale italiano. Un viaggio unico, dove epoche, stili e tradizioni differenti trovano un epicentro comune grazie a un grintoso talento interpretativo e a una rara capacità di farli propri.

 

       Con questo evento, a metà tra musica colta e parole dal richiamo antico, si chiude il cerchio del progetto artistico sostenuto dalla RegioneConvegni, concerti e momenti culturali di rilievo hanno arricchito l’intera rassegna che il Comune di Gesualdo ha voluto fortemente per investire “Il volo dell’angelo” di un rafforzamento identitario volto aeleggere la manifestazione ad appuntamento di notevole valenza storica e culturale e di forte interesse regionale, rilevante, dunque, anche da un punto di vista turistico. «Il progettospiega il regista Roberto Flammia -, nato per avviare l’istituzionalizzazione dell’evento “Volo dell’angelo”, ne ha sicuramente rafforzato l’identità attraverso una comunicazione maggiormente direzionata verso i social e il web; oggi ci troviamo ad avere un sito web con tutti i cenni storici dell’evento e che verrà incrementato con contenuti video; cè una paginaFacebookun canale Instagram e You Tube».

Condividi: