CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Cultura ed Eventi

Trevico - La piazza intitolata a Ettore Scola, figlio dell'Irpinia e icona del cinema italiano

Trevico -  La piazza intitolata a Ettore Scola, figlio dell'Irpinia e icona del cinema italiano

Verrà intitolata sabato 20 ottobre al regista Ettore Scola la piazza di Trevico  per confermare il forte legame che lega il paese altirpino con il famoso concittadino scomparso all'età di 84 anni. Si inizia nel primo pomeriggio del 20 ottobre alle ore 16.00 con la proiezione del film " Trevico - Torino viaggio nel Fiat- Nam" con la presenza del fratello Pietro. Seguirà il dibattito - confronto con Paolo Speranza studioso dei fenomeni culturali irpini e Presidente della rivista Quaderni di Cinemasud e Alfonso Bruno presidente del Centro Studi Cinematografici Campani.

Domenica 21 ottobre la cerimonia di intitolazione della Piazza al Maestro Scola con la presenza di Pietro scola, la presidente dell'associazione IrpiniaMia Maria Raffaella Calabrese De Feo, il vicepresidente della Giunta Regionale Fulvio Bonavitacola e Rosetta D'Amelio presidente del Consiglio Regionale.
Un legame forte quello di Scola con l'Irpinia sempre evidenziato nelle molteplici interviste con l'amore per Trevico, " dove tirava un vento terribile " dal quale aveva tratto, l'attenzione alle diverse classi sociali espresse nei film d'autore che hanno caratterizzato le trasformazioni del paese Italia.
Dalla comicità alla satira , Scola ha interpretato il lato amaro e buffo dell'esistenza attraverso capolavori sempre attuali e diventando regista di fama internazionale. 
Scomparso il 19 gennaio 2016, il Maestro ha diretto capolavori come, La Famiglia, Maccheroni, Una giornata particolare, Brutti sporchi e cattivi, C'eravamo tanto amati, Permette Rocco Papaleo, Dramma della gelosia.Tutti i particolari in cronaca, Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa?, Ballando Ballando, La Terrazza, Che strano chiamarsi  Federico - Scola racconta Fellini, ha firmato i copioni di capolavori come Il Sorpasso, I Mostri di Dino Risi oltre a tantissimi film di Antonio Pietrangeli.
Il cinema di Ettore Scola è sempre stato un'operazione di attenta nostalgia umana e cinematografica, capace di evidenziare sempre l'occhio alla modernità e alle nuove tecnologie.
Una tappa importante quella del fine settimana di Trevico: un progetto di riscoperta della memoria che valorizzi ancor di più l'idea spontanea della vita e delle intuizioni del grande romanzo del regista - sceneggiatore. Pertanto, e' fondamentale, oltre all'intitolazione della Piazza, la valorizzazione di casa Scola, magari per una sede permanente che  solleciti costantemente riflessioni, emozioni e l'osservazione del quotidiano ricco di contraddizioni e del ricordo di un tempo sempre attuale. - di Antonio Porcelli -

Condividi: