CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Ambientalisti chiamano la Procura per scongiurare un insediamento eolico vicino al Lago di Conza

Ambientalisti chiamano la Procura per scongiurare un insediamento eolico vicino al Lago di Conza

Nuova battaglia degli ambientalisti contro l'eolico selvaggio in Alta Irpinia. Questa volta l'obiettivo preso di mira è il tentativo di insediamento eolico nei pressi del Lago di Conza.
Il Coordinamento dei comitati contro l'eolico selvaggio ha spedito un esposto alla Procura di Avellino per tentare di bloccare la realizzazione dell'insediamento eolico in questione, avanzando la motivazione che con l'installazione di una decina di pale eoliche di circa 200 metri l'una "il più bel paesaggio dell'Alta Valle dell'Ofanto sta per essere irrimediabilmente compromesso".
Il progetto del nuovo insediamento eolico non è anora nella fase esecutiva, ma è già stato approvato dalla Regione Campania ed ha ottenuto anche una variante sul progetto originario che ha fissato la riduzione del numero delle pale eoliche da 13 a 10, ma aumentandone la potenza e l'altezza: da torri di 157 metri della potenza di 3 Mw si passerà a torri di 217 metri della potenza di 3,45 Mw.
Proprio di fronte a tale decisione che porterebbe ad un incremento della produzione di circa il 15%, ben dieci movimenti civici hanno deciso di mobilitarsi per opporsi a tale insediamento eolico soprattutto per l'impatto devastante che avrebbe sull'ambiente per la sua prossimità al Lago di Conza.
Insomma una battaglia che si prefigge ardua, ma che gli ambientalisti sono decisi a portare avanti con ogni mezzo per la salvaguardia dell'ambiente.

Condividi: