CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Avellino - Discusso il Bilancio di previsione tra polemiche e lungaggini: voto rinviato al 17 maggio

Avellino - Discusso il Bilancio di previsione tra polemiche e lungaggini: voto rinviato al 17 maggio

Dopo il risultato raggiunto martedì con la liquidazione dell’Istituzione del Teatro Gesualdo, ieri in Consiglio Comunale si sono verificate le solite situazioni di polemiche e conseguenti malumori che hanno portato all’ennesimo slittamento.
La seduta dedicata alla discussione sul Bilancio di Previsione 2017/2019, ha registrato il rinvio dell’approvazione del documento contabile al prossimo 17 maggio, ossia l’ultima data utile indicata dalla conferenza dei capigruppo per votare il Bilancio in seconda convocazione.
Nella relazione presentata all’assemblea, l’assessore alle Finanze, nonché vicesindaco Maria Elena Iaverone ha messo in evidenza il fatto che il Bilancio rappresenti un documento fondamentale per l’amministrazione avellinese e “per il futuro della città”.
“In esso sono contenute le risposte alle tante interrogazioni che sia l’opposizione che la maggioranza hanno rivolto a questa amministrazione”, ha dichiarato la Iaverone.
Tante le voci inserite nel Bilancio, come i 18 milioni per le periferie e i 17 per ultimare i cantieri in città; oppure i 70mila euro per l’incolumità pubblica, i 10mila euro per la tutela ambientale, 35mila euro per la somma urgenza. Da ricordare anche i 12 milioni per la bonifica dell’ex Isochimica, i 30mila euro per la rimozione delle mini discariche e le risorse per la manutenzione di ville e parchi che ammontano a 180mila per quella ordinaria e 350mila per quella straordinaria.
 Inoltre, come spiegato dal vicesindaco, sono previste nel triennio 2017/2019 “entrate pari a 10,3 milioni su Ici e Imu e 8,1 su Tares, Tarsu e Tari”.
Il grosso della discussione, dunque, si è svolto proprio durante la seduta, ora tocca soltanto votare e i risultati si sapranno durante l’assise del prossimo 17 maggio.

Condividi: