CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Avellino - Rifiuti abbandonati nell'ex Moscati: urge trovare una soluzione per l'affidamento

Avellino - Rifiuti abbandonati nell'ex Moscati: urge trovare una soluzione per l'affidamento

La struttura abbandonata dell'ex Moscati ad Avellino torna ad essere al centro delle polemiche in quanto l'area dell'ex nosocomio avellinese da diverso tempo viene utilizzato come discarica a cielo aperto. Al suo interno vi sono cumuli di sacchetti dell'immondizia e altri rifiuti depositati lì da cittadini incivili. La spazzatura si trova anche lungo via Marconi dove è ubicato l'accesso dell'ex pronto soccorso e all'angolo con via Derna.
Una situazione più volte denunciata dagli abitanti della zona che hanno anche assistito a veri e propri lanci del sacchetto da parte di altri concittadini.
La struttura era già stata segnalata in altre occasione perché divenuta rifugio per i senzatetto e luogo di vandalismo soprattutto nelle ore notturne; a tutto ciò ora si aggiungono anche i rifiuti.
Recentemente l'Azienda Ospedaliera "Moscati" proprietaria della struttura l'ha fatta anche rimettere a nuovo rendendola antisismica e palesando a più riprese la volontà di cederla per renderla nuovamente fruibile e strapparla così dall'abbandono selvaggio.
Per ora dal Comune di Avellino non sono arrivate proposte concrete, ma negli ultimi tempi si parlerebbe della possibilità di un accordo informale tra l'Amministrazione e l'Azienda Ospedaliera: si tratterebbe di un passaggio a "costo zero" che prevede il cedimento dell'ex Moscati in cambio del suolo, di pertinenza comunale, dove insisteva il parcheggio esterno dell'attuale città ospedaliera. Una soluzione che farebbe comodo all'Azienda che così potrebbe completare l'accatastamento dell'intera area.
Un'altra richiesta informale è giunta dall'Arpac, ma per ora nulla di concreto. Attualmente solo alcuni locali sono stati affidati alla Prefettura che li utilizzerà come archivio.
Il comitato civico "Avellino rinasce", invece, avrebbe avanzato la proposta di accorpare uffici e ambulatori Asl proprio nella struttura di Viale Italia.
Per ora tuttavia la situazione rimane al palo, ma la necessità di trovare una soluzione diventa ogni giorno più forte e a spiegarlo è stato lo stesso manager del Moscati Angelo Percopo: "Gli interessati o fanno un passo ulteriore o troveremo soluzioni alternative. I costi per tenere in sicurezza questa struttura sono alti e non sono più sostenibili".

Condividi: