CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Cgil -Cisl e Uil stigmatizzano il comportamento del sindaco di Avellino Gianluca Festa

Cgil -Cisl e Uil stigmatizzano il comportamento del sindaco di Avellino Gianluca Festa

 I segretari generale irpini di Cgil, Cisl e Uil - Franco Fiordellisi, Doriana Buonavita e Luigi Simeone - stigmatizzano il comportamento del sindaco di Avellino Gianluca Festa che l'altra notte s'è reso protagonista di «uno spettacolo indece nte» con tante persone, più o meno giovani assembrate in via De Conciliis. 
«E siamo solo all'inizio del post lockdown», dice Fiordellisi. «Milano con Pappalardo e gilet arancioni. Roma coi fascisti in piazza. E l'Avellino "enjoy" del sindaco Festa che fa festa co tante persone assembrate in centro. Tutti fanno assembramenti,  urlano, cantano tra mascherine non usate o non adeguatamente usate, facendo espandere nell'aria micro saliva». 
«Eppure - prosegue Fiordellisi- i ricercatori, attraverso l’uso di laser e telecamere ad alta sensibilità, hanno filmato la permanenza nell’aria di droplets e microdroplets, ovvero goccioline di saliva più o meno grandi, che quando parliamo, urliamo, cantiamo o tossiamo si iper producono. Le stesse goccioline che veicolano la trasmissione del virus Sars-Cov2. Da sapere che quanto più grande è la particella di saliva, tanto minore  sarà la durata della sua permanenza nell’aria. Il peso, infatti, la porterà a cadere prima».
«I giovani hanno necessità di buone pratiche e buoni esempi, ma se questo è l'esempio della classe dirigente: mala tempora currunt».
«Esasperare l'emergenza - dice Simeone - è un errore,  sfruttarla per fini elettorali peggio, ma alimentare gli assembramenti dopo quelle che abbiamo e stiamo affrontando,  con crisi economica e produttiva che non danno nulla da festeggiare è deprecabile».
Buonavita sottolinea: «La sortita del sindaco è assai fuoriluogo sia sul piano istituzionale sia perché proviene da una persona adulta che dovrebbe sempre dare il buon esempio a prescindere dal ruolo pubblico che ricopre».

Condividi: