CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Forino e Contrada si inseriscono nel progetto Sprar per i rifugiati

Forino e Contrada si inseriscono nel progetto Sprar per i rifugiati

Dopo la manifestazione di interesse presentata qualche giorno fa dal Comune di Atripalda, anche l'amministrazione comunale di Forino ha deciso di aderire al progetto Sprar per l'accoglienza dei rifugiati. Si tratta di un progetto, come detto più volte, proposto dal Ministero dell'Interno per gestire in maniera giusta i flussi migratori che arrivano in Italia e che stanno interessando anche la nostra provincia. Inoltre con l'attivazione di un Centro Sprar in un determinato comune, lo rende immune dall'attivazione di qualsiasi altro centro di accoglienza, così da non sovraccaricarsi di arrivi incontrollati.
Lo Sprar che nascerà a Forino è riservato ai nuclei familiari per un massimo di 50 persone. Le spese da sostenere sono coperte quasi totalmente dal Viminale, solo una minima parte toccherà all'ente locale. Il progetto approvato dalla giunta comunale è relativa al prossimo triennio per una spesa complessiva di 2 milioni e 400mila euro.
Attualmente a Serino esiste già un centro di accoglienza, ma con l'arrivo di uno Sprar le cose cambieranno e sicuramente si potrà godere di una gestione più controllata sia in termini di numeri che in termini di maggiori possibilità di integrazione per i nuovi arrivati.
Inoltre anche il vicino Comune di Contrada ha deciso di aderire al sistema Sprar, ma in questo è prevista la realizzazione in forma singola di interventi di accoglienza integrata per un costo annuale di circa 428mila euro. Il centro ospiterà nuclei familiari composti da adulti e minori migranti, richiedenti asilo e rifugiati per un massimo di 25 persone.

Condividi: