CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Parolise - Lavori del viadotto: pronte nuove misure per limitare i disagi

Parolise - Lavori del viadotto: pronte nuove misure per limitare i disagi

Sono cominciati ufficialmente i lavori al Viadotto di Parolise sull'Ofantina, con la conseguente attivazione dei percorsi alternativi per aggirare il cantiere, ma a meno di una settimana dalla sua attivazione già si pensa a nuove azioni da mettere in atto proprio sui percorsi stradali alternativi.
Durante il tavolo in Prefettura a cui hanno partecipato la responsabile della Protezione Civile, i dirigenti della Polstrada e della Sezione Volanti, i funzionari Anas, il sindaco di Parolise, il commissario del Municipio di San Potito Ultra e il direttore di Confindustria Avellino, si è parlato di alcuni interventi per ridurre quanto più possibile i disagi.
In particolare si è pensato di effettuare maggiori controlli, oltre che potenziare ed integrare la segnaletica lungo i percorsi alternativi, soprattutto lungo quello dedicato ai mezzi pesanti che risulta molto più lungo e tortuoso rispetto a quello riservato ai mezzi leggeri.
Inoltre, come sottolineato dal sindaco di Parolise Angelo Marallo, bisognerebbe tenere sotto controllo la velocità con cui i mezzi attraversano i centri abitati oltre monitorare la sicurezza delle strade interessate, già oggetto di intervento da parte dell'Anas prima della chiusura al traffico del ponte che dovrà essere demolito e ricostruito. Proprio il primo cittadino già con una lettera aveva chiesto anche l'installazione di un semaforo per limitare la velocità.
Le problematiche presentate ed emerse nei primi giorni, sono state immediatamente fatte proprie da Prefetto Maria Tirone che ha fatto sapere che i controlli della polizia saranno potenziati: "Saranno sanzionati gli automobilisti che non rispettano i limiti di velocità e gli autotrasportatori che violano il divieto di transito per i veicoli pesanti".
Insomma il monitoraggio da parte della Prefettura sarà costante così da evitare problemi per i prossimi 9 mesi al termine dei quali è prevista la fine dei lavori.

Condividi: