CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Avellino - Emergenza idrica e dissesto idrogeologico: Bonavitacola assicura l'impegno della Regione

Avellino - Emergenza idrica e dissesto idrogeologico: Bonavitacola assicura l'impegno della Regione

Si è tenuto  presso l'ex Carcere Borbonico di Avellino, il convegno dal titolo "Dissesto idrogeologico e pianificazione comunale di Protezione civile" che ha visto la partecipazione del vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola. Un incontro importante che ha permesso di affrontare alcune tematiche delicate per l'Irpinia: l'emergenza idrica, il dissesto idrogeologico e le bonifiche.
Presenti, il presidente della Provincia Domenico Gambacorta, il Prefetto di Avellino Maria Tirone e la dirigente del Genio Civile Claudia Campobasso.
La parola d'ordine dell'incontro è stata prevenzione e l'occasione è stata utile per Bonavitacola per fissare alcune priorità. In primis il vicepresidente di Palazzo Santa Lucia ha affrontato il tema degli incendi boschivi: "Oggi dobbiamo avere grande attenzione alla manutenzione, se il sottobosco non è pulito basta un mozzicone per un incendio", ha spiegato Bonavitacola che ha aggiunto: "Per farlo occorrono risorse importanti. Qualche giorno fa con il Ministro De Vincenti abbiamo deciso di destinare 30 milioni di euro del Patto Sud alla difesa suolo, e specificamente agli interventi di manutenzione. Questo servirà a prevenire criticità. Ma dobbiamo distinguere: c’è il programma generale del Patto Sud che prevedeva in origine 150 milioni di euro, di cui 36 per l’Irpinia".
Per quanto riguarda l'emergenza idrica il numero due di de Luca ha affermato: "E’ un grande tema e ci stiamo lavorando. Già quest’estate abbiamo destinato 6 milioni per l’emergenza, ma lavorando al rapporto con Acquedotto Pugliese per le nuove derivazioni per la diga di Conza, siamo convinti che possano ridursi significativamente le derivazioni da Cassano verso Aqp".
Nell'ambito delle bonifiche, non poteva mancare un passaggio sui lavori che si stanno portando avanti all'ex Isochimica di Borgo Ferrovia: "Siamo in una fase operativa. Abbiamo completato indagini e caratterizzazioni, ora stiamo andando avanti rispetto ai tempi, insieme al Comune di Avellino", ha spiegato Bonavitacola.
Sul dissesto idrogeologico è intervenuto anche il presidente Gambacorta che ha commentato: "Questa provincia ha avuto grossi problemi in passato. Penso a Cervinara, penso alla frana di Montaguto, che ha bloccato l’Italia sia su strada che su ferro, e che è stata risolto solo nel 2010. Allora la Regione non ebbe la capacità di intervenire con prontezza e con un progetto valido, meno male che intervenne la Protezione Civile nazionale che ha ripristinato la sicurezza".
Insomma la Regione ha ribadito il suo impegno e il sostegno alla provincia avellinese nel portare avanti una serie di interventi sui temi più caldi per l'Irpinia, ora tocca alle istituzioni locali fare la propria parte.

Condividi: