CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Avellino - Sequestro "Mancini": tre riunioni per trovare una soluzione

Avellino - Sequestro

Continua tra proteste e polemiche la vicenda relativa al sequestro del Liceo Scientifico “Mancini” di Avellino. Dopo la marcia degli studenti che si è tenuta ieri per le strade della città, oggi si cercherà di trovare una soluzione al problema degli alunni lasciati orfani della propria sede scolastica.
L’ipotesi più fattibile sembrerebbe proprio quella osteggiata fin dall’inizio da genitori, docenti e alunni: i doppi turni che molto probabilmente si svolgeranno in tre scuole, ossia l’Itis “Dorso”, il Liceo “Virgilio Marone” e l’Istituto Alberghiero “Rossi Doria”.
Se ne parlerà proprio oggi con tre tavoli istituzionali: un primo questa mattina in Provincia dove si incontreranno il presidente Domenico Gambacorta, il consigliere provinciale all’Edilizia Scolastica Girolamo Giaquinto, i tecnici dell’ente, il Provveditore regionale agli studi Luisa Franzese, il Provveditore provinciale agli studi Rosa Grano e i dirigenti delle tre scuole (“Dorso”, “Marone” e “Rossi Doria”) dove probabilmente verranno smistati gli studenti. 
Dopodiché i rappresentanti istituzionali incontreranno la dirigente del “Mancini” Nicolina Silvana Agnes per prospettare, si spera, la soluzione concordata.
Nel pomeriggio i referenti politici e tecnici si sposteranno in Prefettura per un terzo tavolo con il Prefetto Maria Tirone.
La possibile soluzione, dunque, sarebbe quella di affidarsi ai doppi turni o alle lezioni pomeridiane nei tre istituti citati precedentemente per cercare di arginare l’emergenza se non per tutto l’anno scolastico, almeno fino al 17 novembre quando è fissata l’udienza del Tribunale del Riesame che dovrà decidere se mantenere chiuso il “Mancini” oppure accogliere il ricorso della Provincia e far riaprire i battenti.

Condividi: