CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Emergenza idrica - Nuovo accordo tra Acs e Aqp per arginare la crisi

Emergenza idrica - Nuovo accordo tra Acs e Aqp per arginare la crisi

Un nuovo accordo, questa volta ufficioso, è stato stretto tra Alto Calore Servizi e Acquedotto Pugliese per cercare di contenere l’emergenza idrica e permettere ad Irpinia e Sannio di tirare un piccolo sospiro di sollievo.
I due enti si sono accordati per concedere una maggiore quota di risorsa dalle sorgenti di Cassano per potenziare la dotazione dell’Acs. Con la disponibilità aggiuntiva di 117 litri di acqua al secondo in più, la portata delle acque dell’Alto Calore sale a 867 litri al secondo, raggiungendo quasi il massimo carico che l'ente irpino può supportare con il sistema di distribuzione attuale.
Un supplemento che ha permesso a partire dal weekend appena trascorso di mettere in funzione anche la terza pompa idrica di Cassano e far rifiatare un po’ i serbatoi di alcuni Comuni irpini come Lioni, Sant’Angelo dei Lombardi, Nusco, ma anche Sturno, Frigento e Gesualdo.
Si tratta di un passo importante con la'umento delle riserve nei serbatoi, ma un miglioramento significativo si avrà soltanto quando anche le condotte saranno riempite e sarà possibile pompare l'acqua anche nelle zone più alte che sono quelle che soffrono maggiormente.
Comunque una buona notizia a cui si aggiunge anche quella dell'attivazione del pozzo di Volturara con la messa in circolazione di altri 35 litri al secondo.
Inoltre occhi aperti sugli interventi approvati dalla Regione Campania, come l'impianto con filtri a carboni attivi per il pozzo di Sant'Eustachio e che dovranno servire a limitare la crisi idrica che il territorio sta vivendo.

Condividi: