CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Forestali - 20 mesi senza stipendio: scatta il sit in davanti alla Comunità Montana dell'Ufita

Forestali - 20 mesi senza stipendio: scatta il sit in davanti alla Comunità Montana dell'Ufita

Continua a battaglia dei Forestali che ieri hanno tenuto un sit in davanti alla sede della Comunità Montana dell’Ufita per richiedere ciò che spetta loro di diritto, ossia lo stipendio che, purtroppo, è atteso con ansia da ben 20 mesi.
Da parte sua la Comunità Montana ha potuto assicurare agli operai solo due mensilità arretrate perché i fondi tardano ad arrivare e le casse dell’ente languono.
Nel frattempo si attendono i 43 milioni di euro promessi dalla Regione Campania a tutte le Comunità Montane e che dovrebbero arrivare entro il 15 luglio, così da andare a coprire la metà degli 80 milioni previsti per il settore per l’anno 2016.
Gli operai e i rappresentanti sindacali, però, stentano a crederci a causa dei tanti ritardi e rinvii che hanno subito nel corso dei mesi.
Da qui la protesta di ieri che ha avuto uno scopo ben preciso: quello di chiedere “l’applicazione di un’intesa concordata tra le parti il 17 maggio scorso”, come ha spiegato Carlo Augusto Ceccarelli della Flai Cgil, che ha poi continuato: “La Regione ha invitato le Comunità Montane ad anticipare risorse pari ai tre primi capitoli dell’ultimo bilancio consuntivo approvato. Si tratta di mettere in moto un meccanismo già autorizzato e collaudato in altre comunità montane”.
Da parte sua il presidente della Comunità Montana dell’Ufita, Carmine Famiglietti si difende: “Come ente facciamo quello che è possibile. La banca tesoriere prima di mettere mano alla richiesta di anticipazione, ha bisogno di garanzie che attualmente non ci sono”.
“Confidiamo nella Regione che eroghi il 505 dei finanziamenti dovuti e nel frattempo cercheremo di garantire una o due mensilità”, ha concluso Famiglietti.
Insomma situazione critica per gli operai forestali che hanno pazientato già troppo e che dopo 20 mesi non hanno alcuna intenzione di arrendersi per ottenere ciò che spetta loro di diritto.

Condividi: