CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Sanità in Irpinia - Nuovo Atto aziendale dell'Asl: tagli sui posti letto, ma potenziamento di alcuni reparti

Spazio al Centro Autismo a Sant'Angelo dei Lombardi, rafforzati ad Ariano Neurologia e Radiologia

Sanità in Irpinia - Nuovo Atto aziendale dell'Asl: tagli sui posti letto, ma potenziamento di alcuni reparti

L’Asl di Avellino ha finalmente redatto la nuova versione dell’Atto aziendale che andrà a riorganizzare la sanità in Irpinia. Dopo l’elaborazione di ottobre, si è approdati ad una nuova variante.
Nell’Atto aziendale sono compresi quei presidi ospedalieri che fanno capo all’Asl ossia quello di Sant’Angelo dei Lombardi, quello di Ariano Irpino e quello di Solofra. Escluso il Moscati di Avellino in quanto autonomo.
Ciò che si evince nel nuovo documento è sicuramente un rafforzamento di alcuni reparti dei tre ospedali irpini, ma nello stesso tempo verrà effettuato un taglio di ben 116 posti letto, spalmati sui tre nosocomi, passando da 423 a 307: via 137 posti letto dal “Frangipane” di Ariano, 66 dal Criscuoli di Sant’Angelo e 111 dalla Don Gnocchi e 104 dal Landolfi di Solofra più i 18 della Salute mentale.
Inoltre l’Ospedale di Ariano sarà l’unico a rimanere Unità complessa, Solofra e Sant’Angelo dei Lombardi saranno declassate a Unità semplici dipartimentali.
L’Atto aziendale inoltre rivede anche gli assetti interni dell’Asl, a partire dall’organigramma e dalle posizioni organizzative che passeranno da 59 a 68. Le Unità operative complesse saranno 52 in tutto. 
Ci saranno anche delle novità, come l’introduzione della Commissione Alpi (attività libero professionali) e del Comitato consultivo e partecipativo. Arriva anche l’Unità di coordinamento professioni sanitarie, mentre sparisce l’Unità semplice dell’ufficio liquidazione.
L’Unità sull’amianto verrà accorpata alla struttura complessa di Igiene e Medicina del lavoro, mentre nella sezione dedicata alla Salute mentale, la Neuropsichiatria di infanzia e adolescenza passa da semplice a complessa. Infine nei distretti territoriali nasceranno le Unità semplici sui servizi alle fasce deboli.
Per quanto riguarda i potenziamenti: ad Ariano la Neurologia e la Diagnostica per immagini diventeranno Unità complesse; ci sarà anche una nuova Unità semplice per l’ictus e l’attivazione dell’Unità di raccolta sangue e medicina trasfusionale.
A Solofra nascerà l’Unità semplice dipartimentale per la Dialisi e la Terapia intensiva diventerà struttura complessa. Confermati i punti nascita sia a Solofra che ad Ariano.
A Sant’Angelo partirà il servizio di Nutrizione Artificiale Domiciliare (Nad) che permetterà di trattare a domicilio pazienti in condizioni di stabilità clinica. Sempre per il Criscuoli nell'Atto aziendale si fa riferimento anche al progetto di Centro per l'Autismo che l'Asl vuole creare all'interno dell'ospedale. Al progetto è collegata la realizzazione di un Centro Semiresidenziale con due moduli: Adolescenti con 10 posti letto e Giovani con 20 posti letto. Il centro verrà integrato con il trattamento ABA domiciliare e scolastico per i bambini con disturbi dello spettro Autistico.
Nell'Atto aziendale non si parla soltanto di ospedali, ma anche di Distretti unendo le nuove risorse regionali con quelle del Progetto Pilota che ha dedicato un intero capitolo alla Sanità in Irpinia. Per l'Ospedale di Bisaccia, diventato Struttura Polifunzionale per la salute, l'Asl prevede la creazione di un "ospedale di comunità", ossia una struttura di degenza territoriale e la nascita della prima Uccp, Unità per le cure primarie che funzionerà come filtro tra pazienti e ospedali in veste di una sorta di poliabulatorio di medicina di base e specialistica.
Per ora è arrivato il primo via libera all’Atto aziendale nel corso della riunione di ieri presso la sede dell’Asl, ma si attende il via libera definitivo della Regione.

Condividi: