CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Enti

Teatro Gesualdo - Il Comune liquida l'Istituzione: si punta ad una nuova forma di gestione

Teatro Gesualdo - Il Comune liquida l'Istituzione: si punta ad una nuova forma di gestione

Si conclude almeno in parte la difficile vicenda del Teatro “Carlo Gesualdo”.  Nella seduta di ieri il Consiglio Comunale ha deliberato la messa in liquidazione del Teatro cittadino.
Il provvedimento illustrato dal sindaco Paolo Foti ha incassato 17 voti favorevoli (quelli della coalizione di centrosinistra); mentre Gianluca Festa e Antonio Genovese e i “Democratici per Avellino” Barbara Matetich e Massimiliano Miro, hanno deciso di astenersi.
A questo punto tocca al sindaco Foti darsi da fare per nominare al più presto un commissario liquidatore per permettere poi al comitato di gestione di indire la gara per la programmazione teatrale. In un secondo momento bisognerà pensare alla nuova forma giuridica di gestione del Massimo cittadino.
In realtà lo stesso Foti ha promesso che i tempi saranno brevi, anche se persistono le polemiche e le perplessità da parte dell’opposizione.
Ovviamente non sarà semplice mettersi d’accordo sulla nuova forma di gestione che, sicuramente non sarà l’Istituzione, visto l’esito negativo che ha incassato. A riguardo c’è chi, come Laura Nargi, ad esempio punta sull’idea di fondazione.
Molti dei dubbi sollevati dall’opposizioni hanno riguardato soprattutto l’assenza di reali motivazioni che hanno portato alla liquidazione del teatro, oppure la formazione del comitato di gestione, definito più “un comitato elettorale”, come dichiarato Francesca Di Iorio consigliera di “Si Può”.
Insomma la liquidazione del Teatro Gesualdo risulta alquanto osteggiata, ma ormai il dado è tratto e bisogna ora portare avanti il nuovo percorso per salvaguardare, in tutti i modi possibili, un’istituzione culturale che ha fatto la storia della città.

Condividi: