CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Lavoro

Caso Aias - Accordo tra le parti per il pagamento di tre mensilità arretrate

Caso Aias - Accordo tra le parti per il pagamento di tre mensilità arretrate

L'incontro in Prefettura sulla vertenza Aias ha sortito l'esito sperato. Dopo diverse ore di confronto si è arrivati ad un accordo tra le parti: l'Asl di Avellino pagherà 3 delle 10 mensilità arretrate ai circa 120 lavoratori delle strutture sanitarie di Avellino, Calitri e Nusco.
Soddisfazione per i dipendenti e per il segretario generale della Fp Cgil Marco D'Acunto che, insieme ad alcuni lavoratori aveva protestato con lo sciopero della fame per 8 giorni.
Si tratta di un risultato importante visto lo stop immediato delle mensilità dopo il sequestro della struttura di Via Morelli e Silvati avvenuto lo scorso 13 febbraio. Grazie alla battaglia della Fp Cgil è stata verificata la possibilità di mettere immediatamente a disposizione 476mila euro per il pagamento diretto di tre mensilità di luglio, agosto e settembre 2017. A tal proposito l'Asl ha chiesto 48 ore di tempo per dare una risposta, ma "siamo fiduciosi perché abbiamo ottenuto il parere positivo sia dell'Inps che dell'Inail", ha spiegato D'Acunto.
Buone notizie sono giunte anche alle parole della manager dell'Asl Maria Morgante, ieri presente al tavolo di confronto in Prefettura: "C'è un accordo tra l'Asl e l'Aias per verificare la possibilità di procedere con il pagamento diretto da parte nostra delle retribuzioni di luglio, agosto e settembre anche in assenza di un Durc regionale".
La fumata bianca è finalmente arrivata, dopo giorni di presidi e proteste di lavoratori accompagnati dalla Fp Cgil, ed ora bisognerà lavorare per poter recuperare anche le altre 7 mensilità arretrate. Inoltre si sta anche lavorando sulla questione delle revoche di autorizzazione amministrativa e accreditamento regionale che portarono alla chiusura dell'Aias. "Ci siamo appellati al Tar di Salerno e siamo convinti di ottenere la sospensiva per riprendere l'attività", ha fatto sapere il commissario provinciale dell'Aias Remo Del Genio, presente ieri al confronto insieme al collega Antonio Maurizio Arci.

Condividi: