CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Lavoro

Caso Whirlpool, un dramma che coinvolge operai e indotto per circa 1800 unità. L'intervento di Melchionna

Caso Whirlpool, un dramma che coinvolge operai e indotto per circa 1800 unità. L'intervento di Melchionna

Una situazione delicata e grave per tante famiglie alle prese con la sconfessione dell'accordo sottoscritto circa sette mesi fa dalla Whirlpool che prevedeva 17milioni per il rilancio della produzione ad alta gamma ed ora messa in vendita e  non produrre più lavatrici a Napoli. 430 dipendenti e 1600 persone in rappresentanza dell'indotto, tra cui anche una importante fabbrica di Sant'Angelo dei Lombardi. Gli operai si sentono traditi dalla multinazionale e dallo "sgarbo" politico al Governo con il quale gli americani si erano impegnati a investire e sviluppare una nuova piattaforma per lavatrici molto avanzate. I destini si decideranno oggi al Mise con il ministro Di Maio . Parteciperanno i massimi dirigenti della multinazionale statunitense,i sindacati di categoria, i rappresentanti del Comune di Napoli e della Regione. In attesa delle risultanze, circa mille operai della Whirlpool e altre aziende dell'indotto che sono partiti per Roma a bordo di dieci autobus messi a disposizione dai sindacati. 

 

Dichiarazione di Mario Melchionna sul caso Whirlpool -  Segretario Generale UST CISL IrpiniaSannio


"L 'incontro previsto per oggi  al Ministero dello Sviluppo Economico con l'azienda e Luigi Di Maio si prospetta lungo e difficile. In questo stesso luogo, nell'ottobre 2018, le parti in causa avevano firmato un accordo grazie al quale la Whirlpool avrebbe rilanciato l'impianto e, per farciò, avrebbe goduto di incentivi, sgravi fiscali e ammortizzatori sociali. 

Gli incentivi statali sono stati incassati, ma senza nessun preavviso, la storica fabbrica di via Argine è stata cancellata dallo scacchiere produttivo.

 

Tutto questo è inaccettabile, soprattutto a fronte dei risultati economici e di volumi che in questi anni il gruppo Whirpool sta avendo.
Il dramma non è solo per gli oltre 400 operai. Nel vortice sono finiti anche i dipendenti dell'indotto, molti mono-commessa, che superano le mille unità nella nostra regione.

 

La chiusura di Whirlpool Napoli, dichiara Mario Melchionna, comporterebbe inevitabilmente la chiusura di queste aziende con la perdita di 250/300 posti di lavoro anche in provincia di Avellino aggravando ulteriormente l’impatto sociale di questo territorio, già martoriato ed a rischio spopolamento. In attesa dell’incontro presso il Ministero del Lavoro che si terrà oggi 4 giugno, saranno organizzate delle assemblee informative in preparazione delle eventuali mobilitazioni per la tutela di tutti i livelli occupazioni in caso non venga ritirata la chiusura.

I lavoratori dell’indotto pagano, da tempo remoto, il prezzo delle nuove logiche di mercato, la chiusura sarebbe una tragedia per i lavoratori/lavoratrici e per le loro famiglie.

La Cisl IrpiniaSannio unitamente alle Federazioni di settore, conclude Melchionna, chiedono al Ministero di prevedere la copertura di ammortizzatori sociali anche per i lavoratori dellindotto e dellIrpinia."

Condividi: