CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Lavoro

Industria Italiana Autobus - Nulla di fatto al Mise: si cercano nuove risorse e un partner pubblico

Industria Italiana Autobus - Nulla di fatto al Mise: si cercano nuove risorse e un partner pubblico

Coloro che riponevano grandi speranze nell'incontro di ieri al Ministero dello Sviluppo Economico per il rilancio dell'Industria Italiana Autobs si son dovuti ricredere. Ennesima fumata nera sulle risorse per il polo unico nazionale che si occupa di produzione di autobus.
Nel corso della seduta è stata messa in evidenza la necessità di definire in tempi brevi l'intesa per l'ingresso di un partner pubblico finanziario che possa assicurare la liquidità necessaria all'azienda per la prosecuzione degli investimenti. Il Governo ci sta lavorando già da un po', ma sembrerebbe che gli esiti ottenuti finora non sono quelli sperati. Il presidente Stefano Del Rosso, da parte sua, ha tuttavia messo in evidenza la necessità di chiudere la questione entro la fine di febbraio così da poter avviare un nuovo percorso per l'azienda.
Insomma servono risorse finanziarie forti per rilanciare concretamente l'industria. Tuttavia a rendere più difficile le cose vi sono diverse difficoltà; prima di tutto il mancato incasso delle commesse realizzate: la IIA avanza dalla pubblica amministrazione circa 28 milioni di euro.
Proprio perché l'azienda necessità di ulteriori investimenti, è stato deciso di trasferire la produzione di alcuni autobus previste per il 2018 in aziende estere, in particolare in Spagna e Turchia. Una decisione che ha sollevato forti polemiche da parte di lavoratori e sindacati, ma anche della Regione Campania e del Mise che hanno ribadito la necessità di realizzare tali commesse negli stabilimenti italiani della IIA.
La situazione appare delicata, anche se qualche passo in avanti è stato fatto, tanto che è già stato presentato il cronoprogramma del rientro die lavoratori negli stabilimenti di Flumeri e Bologna. Una promessa che sta per realizzarsi.
Intanto a fine mese si riunirà un nuovo tavolo al Mise per fare il punto della situazione e valutare eventuali nuove soluzioni.

Condividi: