CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Lavoro e Sindacati

Rinnovo contratti integrativi dell’edilizia: pressing nei confronti dell’ance regionale

 Rinnovo contratti integrativi dell’edilizia: pressing nei confronti dell’ance regionale

Si è tenuta Venerdì 4 una manifestazione sotto la sede dell’ANCE Campania, organizzata dalle Segreterie Regionali di Filca Cisl-Feneal Uil e Fillea Cgil unitamente alle segreterie territoriali, per protestare contro il ritardo dell’avvio delle trattative per i rinnovi degli integrativi al contratto nazionale scaduto  il 31 Dicembre 2012.
Sono 150.000 in Campania i lavoratori edili che attendono il rinnovo del contratto, ad Avellino oltre 10.000.
Hanno partecipato una delegazione di lavoratori edili da tutte le province di oltre 500 lavoratori, circa centinaio da Avellino.
Una delegazione composta dai Segretari Regionali e dai Segretari dei Territori è stata ricevuta da una rappresentanza dell’ANCE regionale, e dal Presidente Nunzio Coraggio.
Dopo aver rappresentato la situazione dove tranne Avellino in tutte le altre province non ancora si sono aperti e quindi la richiesta di un intervento dell’Ance Regionale, il Il presidente si è impegnato ad inviare una lettera di invito ai rispettivi presidenti delle ANCE provinciali, per spronarli ad aprire subito i confronti. Una nuova riunione di verifica è stata programmata per il 14 Novembre.
Ad Avellino il tavolo per il rinnovo dell’Integrativo Provinciale  è  iniziato lo scorso mese di  Settembre, dove si e definito un crono programma che affronta la disunione su tutti i punti della piattaforma, a partire dalla crisi  del settore con iniziative nei confronti della Pubblica Amministrazione (comuni, a partire da quello Capoluogo, Provincia , Regione e tutte le stazioni appaltanti, come l’ASL, IACP, ANAS ecc ), tese allo sblocco  delle opere di propria competenza e l’accelerazione della loro cantierizzazione.
In questa direzione, un primo incontro e avvenuto con il Comune di Avellino il 3 Ottobre con il sindaco Galasso  ed il 24  con la Provincia  con il presidente Sibilia, dove hanno dato piena disponibilità a collaborare con le parti sociali. Ora si tratta di coinvolgere tutte le altre stazioni appaltanti, prima di arrivare all’iniziativa più forte: quella della convocazione degli “sati Generali Del settore” per dare una svolta alla crisi del settore nella nostra provincia di Avellino.
Queste iniziative sono estremamente necessarie, per dare un respiro al settore dell’edilizia e delle Costruzioni, che versano in una condizione drammatica, dove aumentano di giorno in giorno le richieste di Cassa Integrazione e le disoccupazioni.
Ora va data un’accelerata al confronto complessivo della piattaforma, compreso quello salariale e darsi dei tempi certi per la loro definizione.

Condividi: