CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Sport

Calcio - Tre candidati per il dopo Tavecchio, in pole Cosimo Sibilia

Calcio - Tre candidati per il dopo Tavecchio, in pole Cosimo Sibilia

Ben 77 giorni trascorsi dall'uscita dell'Italia dai Mondiali, ma ancora non si riesce ad arrivare ad una decisione per trovare colui che sostituirà Carlo Tavecchio nel ruolo di presidente della Figc, in seguito alle sue dimissioni arrivate poco dopo l'eliminazione dell'Italia.
Le incertecce sono ancora tante, mentre sullo sfondo comincia a delinearsi sempre di più l'idea del commissariamento, così come auspicato da Malagò.
A poche ore dal voto, i candidati restano ancora tre Gravina, Tommasi e Sibilia. La riunione degli allenatori ha evidenziato il nome di Ulivieri da accostare a quello del presidente della Lega Pro Gabriele Gravina, ma non c'è alcuna certezza. L'altro nome è quello di Damiano Tommasi; quest'ultimo vorrebbe tenere viva la propria candidatura anche se la maggioranza dei calciatori spinge per appoggiare Gravina con una sorta di patto trasversale con l'Aiac, i presidenti riformisti, una parte di Serie B e gli arbitri, che insieme garantirebbero il 55% dei consensi. Un'intesa che non è stata ancora raggiunta e non si sa se lo sarà mai.
Intanto nell'Aic c'è anche chi spinge per una possibile intesa con il senatore di Forza Italia Cosimo Sibilia che può contare sull'appoggio dei club vicini a Lotito. A sostenere Sibilia i club vicini a Lotito e il 34% della Lega Dilettanti di cui e' presidente. Sibilia sulla carta appare il favorito, ma occorre fare i conti con le variabili della campagna elettorale ricca di colpi di scena e ai franchi tiratori. 
I dubbi rimangono, ma una cosa è certa: chiunque sarà il  vincitore dovrà darsi molto da fare, a cominciare da stasera stessa con la convocazione del Consiglio Federale e la nomina del commissario ad acta per la Lega di A e pensare già alla Nazionale.
Stando alle ultime notizie, Sibilia vorrebbe Conte con Buffon, Tommasi spingerebbe per Ancelotti magari con Maldini, mentre Gravina andrebbe verso Ranieri.
Intanto questa mattina la parola andrà ai 275 delegati alle urne, a partire dalle 9.30; poi si deciderà cosa fare.

Condividi: