CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Tempi Moderni

Crisi, il lavoro è un terno al lotto. A Bari l'estrazione per un posto in Fiera

Crisi, il lavoro è un terno al lotto. A Bari l'estrazione per un posto in Fiera

Da "La Repubblica.it" 10/08/2010

Si chiama Caterina, 29 anni, nata a Reggio Calabria la prima fortunata vincitrice di un posto di lavoro: 10 giorni come hostess presso gli stand della Fiera del Levante di Bari, la campionaria internazionale in programma a settembre. Compenso: circa 450 euro lordi. Caterina è la prima estratta tra le 8702 domande di lavoro arrivate in due settimane all'ente fieristico barese che ha messo in palio - per così dire - 300 posti per figure professionali come operatori di accoglienza agli stand, impiegati e addetti alle biglietterie. Le domande pervenute, esattamente 9286, sono per Gianfranco Viesti, economista da pochi mesi alla guida dell'ente Fiera, "il segno di un momento tragico". "Tantissima gente - spiega - giovani e donne soprattutto, ha bisogno di lavorare e non trova. Così tutti si rivolgono alle pochissime possibilità che ci sono. Per fortuna noi rispondiamo in modo trasparente: che sia la fortuna a decidere e non altro".

Quanto al singolare sistema del sorteggio, Viesti difende la scelta pur considerandola un metodo occasionale. "Ricorrere a un'agenzia esterna per valutare le domande in maniera più consona a titoli ed esperienze - dice - avrebbe comportato costi eccessivi" e così i candidati sono stati divisi in dodici liste. Per ciascuna delle figure individuate, come da indicazioni degli uffici dell'Ente, è stata riservata una quota per 'i veterani': il 25%, riservata a chi ha già lavorato agli stand e tra gli impiegati, il 50% agli impiegati delle biglietterie delle scorse edizioni. "E' il settore più delicato - spiega il segretario generale Leonardo Volpicella - dove occorre garantire in ogni turno la presenza di ragazzi esperti che guidino gli altri".

Posti riservati rigorosamente a metà per uomini e donne. Il sorteggio tra le liste composte per ordine di arrivo telematico delle domande è avvenuto davanti al notaio Gisella Simone; poi, con un semplice programma di generazione casuale dei numeri, si è svolta l'estrazione. Caterina e gli altri 299 fortunati possono consultare il sito della Fiera del Levante per conoscere l'esito.

Secondo Viesti, "sarà una Campionaria di transizione" quella che aprirà i battenti il 10 settembre prossimo. "Cerchiamo di offrirla al meglio  nel formato che somiglia a quello tradizionale - dice - poi dall'anno prossimo proveremo a fare qualche ulteriore cambiamento". Sulla presenza dei grandi operatori economici dell'industria e della finanza nazionale Viesti non si nasconde una certa preoccupazione, data la difficilissima congiuntura: "I segnali non sono buoni perché basta leggere i giornali per rendersi conto che le imprese sono tutte molto preoccupate per gli andamenti dei mercati. Dovremmo sostanzialmente confermare i dati di presenze dell'anno scorso e questo sarebbe già un buon risultato, visti i tempi che corrono".

Condividi: