CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Avellino - Del Basso De Caro: "Siamo l'unico partito vero rimasto tra le macerie"

Avellino - Del Basso De Caro:

Dopo la visita di Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle di ieri ad Avellino, questa mattina è stata la volta di un candidato del Partito Democratico a presentarsi nel capoluogo irpino: l'uscente Sottosegretario alle Infrastrutture On. Umberto Del Basso De Caro. Con lui al tavolo Enza Ambrosone e Caterina Lengua. Il candidato capolista alla Camera dei Deputati ha chiamato a raccolta il popolo democrat e molti rappresentanti hanno risposto (presenti alcuni amministratori ed altri rappresentanti politici del territorio), dimostrando sostegno attraverso la propria presenza  al Circolo della Stampa di Avellino. Un sostegno che servirà a combattere in una campagna elettorale verso il 4 marzo che si preannuncia alquanto difficile e in un certo senso confusionaria.
Una situazione messa in evidenza dallo stesso Del Basso De Caro: “Sarà una campagna elettorale difficile ma non solo per i sondaggi terroristici che si susseguono, ma per l’intera situazione nella quale ci ritroviamo”, ha esordito il Sottosegretario alle Infrastrutture che ha voluto spiegare lo scenario nel quale gli elettori si ritroveranno a dover decidere: “Ciò che viene fuori è una fotografia di un Parlamento che potrà avere tre alternative: un governo di centrodestra che è una coalizione, ma soltanto un cartello elettorale destinato a disintegrarsi. Basti pensare che ogni giorno Berlusconi e Salvini si smentiscono a vicenda; inoltre parlano ancora di Berlusconi presidente, ma di cosa? Forse del Milan visto che è in candidabile. Oppure c’è il Movimento 5 Stelle. A tal proposito direi che è necessario fare solo una precisazione riguardo a Di Maio:  lui non ha mai lavorato un'ora della sua vita. Dice di essere l’unico premier in lizza? Dovrebbero spiegargli che la legge elettorale non assegna il Presidente del Consiglio, ma mi astengo da altri commenti”.
Da qui la terza alternativa che per Del Basso De Caro appare la più valida in uno scenario di devastazione: “Poi c’è il PD su cui è fiorita una letteratura negativa negli ultimi mesi, però siamo l'unico vero partito rimasto tra le macerie. Noi siamo l’unico partito che si riunisce, che esiste, che si confronta e che si presenta ai cittadini per quel che è. Durante questa campagna elettorale racconteremo quel che abbiamo fatto in questi cinque anni e quello che vogliamo fare nei prossimi anni. Il voto di pancia, credetemi, non ha mai portato a nulla. Serve il voto di testa, serve votare per un’idea, un progetto politico, una proposta seria. Spero che il risultato pronosticato dalla D’Amelio di vincere 5 a 0 si realizzi. Da parte mia ci sarà massimo impegno affinché questo possa realizzarsi".
Del Basso De Carosi è dimostrato deciso come sempre: “Abbiamo fatto opere straordinarie e mi assumo la responsabilità di questo termine. Questo territorio è destinatario di tante opere che sono nell’’agenda di governo e non sono solo una promessa. La Napoli-Bari ridarà centralità all’Irpinia. La piattaforma logistica della Valle Ufita è stata inserita nell’apposito piano nazionale. I lavori per la Lioni-Grottaminarda sono ripresi, la linea ferroviaria Avellino-Salerno-Benevento verrà totalmente elettrificata”.
Ovviamente servirà tempo, come spiegato dal Sottosegretario: “Di un’opera si apprezza una funzione anni dopo che è stata realizzata, come ad esempio la possibilità di muoversi in maniera più agevole. La stessa cosa vale per la Sanità e la Scuola”.
Ma per mantenere fede alla sua indole di uomo della concretezza Del Basso De Caro ha evidenziato anche che oltre alle opere che dovranno essere realizzate, bisognerà discutere dei “problemi della quotidianità. Ai cittadini non è sufficiente spiegare solo quello che abbiamo in mente, ma parlare dell’immediato perché si mangia giorno dopo giorno e lo faremo. E’ bello giocare a chi la spara più grossa dicendo di voler abbassare le tasse con la Flat Tax, oppure portare le pensioni minime a mille euro, oppure inserire il reddito di cittadinanza; ma le minori entrate con cosa le compensiamo? Con l’aria o la fantasia?”.
Insomma per il Sottosegretario sembrerebbe che da tutte le parti arrivino frottole che si possono combattere solo con la “serietà del Pd e con prospettive ancorate all’Europa. I nostri argomenti sono quelli di una forza riformista, di cambiamento, ma soprattutto solida, responsabile e che usa il linguaggio della verità e non delle promesse”.
“Noi cerchiamo di fare un ragionamento portandolo avanti in maniera rispettosa e senza battaglie e offese sui social”, ha aggiunto Del Basso De Caro che ha concluso con un auspicio del raggiungimento di un importante obiettivo: ridare  un governo unitario all’Italia: “Dal 5 lavoreremo per l’unità del partito e per il Congresso. Le Politiche non sono uno spartiacque, ma l’occasione per ricostruire l’unità per il Pd, per il capoluogo e per gli altri comuni. Niente polemiche inutili, ci giochiamo una partita troppo importante, ovvero quella per il governo ed il futuro del Paese”.

  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
  • Avellino - Del Basso De Caro:
Condividi: