CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Avellino - Otto consiglieri rispondono alle accuse sul Ferragosto: " Ciampi rispetti la democrazia..."

Avellino - Otto consiglieri rispondono alle accuse sul Ferragosto:

Continuano le polemiche al Comune di Avellino. Questa mattina Nadia Arace, Dino Preziosi, Stefano La Verde, Nello Pizza, Alberto Bilotta, Nicola Giordano, Modestino Verrengia e Lino Pericolo si sono ritrovati a Piazza del Popolo per tenere una conferenza stampa e rispondere al post pubblicato dal primo cittadino Vincenzo Ciampi su Facebook nel quale si è rivolto proprio agli otto consiglieri,  rei a suo dire, di aver distrutto il Ferragosto avellinese: "Ecco le responsabilità di chi ha detto NO al Ferragosto Avellinese: Nello Pizza, Nicola Giordano, Modestino Verrengia, Lino Pericolo, Alberto Bilotta, Nadia Arace, Costantino Preziosi e Stefano La Verde", si legge nel post che continua: "Questi signori per un capriccio politico vogliono affossare la città capoluogo. Far fare brutta figura al Movimento 5 Stelle e alla maggioranza degli avellinesi che mi ha votato sindaco. Ovviamente noi non ci arrendiamo. La festa del 16 agosto di sicuro si farà, la offriremo noi del Movimento 5 Stelle con nostre donazioni spontanee. Sarà più modesta, ma si farà. 
E di sicuro faremo girare per la città dei 6x3 con le facce e con i nomi dei consiglieri che hanno privato Avellino della sua festa storica. Noi non ci fermiamo. Andiamo avanti ancora più forti. Più ci vogliono affossare e più andiamo avanti. Perché sappiamo che voi siete dalla nostra parte. Forza! Stringiamoci ancora di più in questo momento difficile dove pochi vogliono distruggere le speranze di molti".
Alla luce di queste parole, la risposta degli interessati è stata molto dura. "Ciampi, con le sue dichiarazioni a mezzo social, ha intenzione di esporci al pubblico ludibrio, istigando iniziative contro la nostra persona. Pensare di esporre le nostre facce sui 6x3 per darci in pasto all’opinione pubblica, solo perché abbiamo esercitato il nostro diritto di consiglieri comunali, è un atto grave e mai verificatosi nella nostra della città. Potremmo pensare, quindi, di denunciare il Sindaco", ha commentato Nello Pizza capogruppo di "Avellino è Popolare".
"Invece di offendere i consiglieri, Ciampi dovrebbe pensare alle promesse non mantenute, partendo dal Reddito di Cittadinanza Comunale che è stato uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale", ha spiegato Dino Preziosi, a cui si sono unite le parole di Nadia Arace che nel Consiglio comunale di ieri ha presentato la pregiudiziale che ha portato al ritiro del provvedimento per il Ferragosto avellinese: "E' un gesto gravissimo utilizzato per coprire un atto illegittimo. Noi abbiamo presentato una pregiudiziale non contro il Ferragosto, ma contro le forzature messe in atto dell’Amministrazione Comunale. Perché Ciampi non ha ritirato l’atto? Perché non lo ha approvato in Giunta? Così facendo avrebbe messo il Consiglio Comunale, a partire dal gruppo del Movimeno 5Stelle, davanti alla possibilità di essere responsabile di danni patrimoniali o economici. L’atto era illegittimo, la nostra pregiudiziale era fondata. Così il sindaco coltiva un clima di intolleranza che ricorda tempi bui della storia del nostro Paese. Non possiamo essere minacciati per aver esercitato il nostro ruolo, quali consiglieri comunali, di controllo e proposta".
E' stata poi la volta del consigliere Pd Stefano La Verde che ha spiegato: "Ho chiesto a Ciampi di convocare una Giunta ad horas per approvare l’atto, anticipando il mio voto positivo. "Non ho tempo", ha risposto. Il Sindaco impari a rispettare la democrazia e la smetta di offendere i consiglieri o fare illazioni. Così facendo non rispetta la città che vorrebbe amministrare".

Condividi: