CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano

Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano

Una decisione non del tutto inaspettata quella comunicata dal presidente della Provincia Domenico Gambacorta questa mattina durante la seduta votazione del Bilancio di previsione 2017 di Palazzo Caracciolo. Gambacorta ha espresso la volontà di andare avanti e rimanere alla guida della Provincia e dell'amministrazione di Ariano Irpino, rinunciando così alla candidatura alle prossime politiche.
Con le parole di Gambacorta sono state sedate tutte le voci che ipotizzavano una candidatura di Gambacorta per il Parlamento che avrebbe significato la rinuncia automatica ai suoi attuali incarichi di presidente della Provincia e sindaco di Ariano.
"Resto al servizio della comunità che mi ha votato e del mio partito. Il senso delle istituzioni mi impone di rimanere alla guida sia di Palazzo Caracciolo sia del Comune di Ariano", è stata la motivazione avanzata dal presidente.
"Sono convinto di aver fatto una scelta giusta e coerente con il mio modo di stare in politica. Non ho mai avanzato una candidatura in vita mia, e mi è sempre stato chiesto. Detto questo, spero che si approvi una legge elettorale che riavvicini i cittadini al voto", ha commentato Gambacorta.
La seduta di questa mattina è stata anche l'occasione per rilanciare il tema della crisi idrica in Irpinia. Il presidente ha proposto all'assemblea dei sindaci un'importante iniziativa, ossia la redazione di un documento da sottoporre a Governo ed Unione Europea per ottenere gli investimenti necessari per invertire la rotta dell'attuale situazione idrica in Irpinia: "Abbiamo vissuto la peggiore estate di sempre e la responsabilità è ricaduta sui sindaci. Il problema delle perdita nelle condotte e della tutela delle sorgenti non possiamo affrontarlo con le risorse di bilancio. Temo che nemmeno la Regione, con i fondi Fesr, possa garantire i 500 milioni che serrvono alla provincia di Avellino. L’ unica soluzione, dunque, è che su questo grande progetto di ristrutturazione venga coinvolto il Governo e soprattutto l’Europa. Ci sono diversi territori che hanno ottenuto i fondi europei garantiti dalla Banca Europea degli Investimenti", ha spiegato Gambacorta.
Per quanto riguarda, invece, il Bilancio sono stati 70 sindaci su 71 a votare a favore. L'unica voce fuori dal coro è stata quello del sindaco di Montella Ferruccio Capone che si è astenuto dal voto, lamentando una mancanza di sintesi con gli altri sindaci di Forza Italia di cui Gambacorta è esponente e un maggiore interesse per le zone della Valle Ufita e dell'Arianese.
Pronta la risposta del presidente che ha sottolineato come tanti interventi su strade e scuole siano stati fatti proprio a Montella e sottolineando l'importanza di continuare a portare avanti questo rapporto di collaborazione con tutti i sindaci senza distinzione tra "minoranze e maggioranze" e senza "contrapposizioni forti come negli anni di Anzalone o Maselli. Ritengo che la collaborazione istituzionale debba andare avanti, così come stiamo facendo anche con la Regione Campania", ha concluso Gambacorta.

  • Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano
  • Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano
  • Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano
  • Gambacorta non si dimette e continua il mandato in Provincia e ad Ariano
Condividi: