CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo e della presenza dello Stato

L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato

Grande partecipazione misto ad entusiasmo per la  visita del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ad Avellino. Un Teatro Gesualdo affollato in ogni ordine e posti con Autorità civili, militari e religiose insieme ai sindaci in fascia tricolore per  il Premier. Con Gianfranco Rotondi, il più giovane dei democristiani, Ciriaco De Mita, Nicola Mancino, Gerardo Bianco, Ortensio Zecchino, Clemente Mastella ,  Giuseppe Gargani, gli amici di una volta con Andrea De Vinco  per ricordare e rendere omaggio al centenario della nascita di Fiorentino Sullo . Tanti i nuovi parlamentari ad iniziare dai 5Stelle Pallini, Gubitosa, Ugo Grassi, il sottosegretario Carlo Sibilia  ed ancora il sen. Cosimo Sibilia e gli ex Franco ed Enzo De Luca, Famiglietti, Angelo D'Agostino, Giuseppe De Mita, i consiglieri regionali Alaia e Petracca, e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Dopo il primo intervento del sindaco di Avellino Gianluca Festa che ha ribadito i concetti espressi in precedenti interviste sull'autonomia Irpina e sulla necessità di contribuire ancor di più al rinnovamento culturale e generazionale, e' intervenuto il Presidente della Provincia Domenico Biancardi . Il numero uno di Palazzo Caracciolo si e' soffermato sull'appello al Governo per procedere celermente alla Apice- Orsara e alla ripresa delle infrastrutture. Ricordando Il coraggio di Fiorentino Sullo, sulla costruzione dell'A16 e sulla Legge sull'edilizia economica e popolare e sulle riforme della scuola, Biancardi  ha sollecitato il Premier a tener conto del ruolo delle Province rimettendo al centro i principi dell'autonomia e del riconoscimento delle risorse finanziarie per l'erogazione dei servizi. L'intervento del presidente del comitato promotore l'On. Gerardo Bianco si e' incentrato sul ricordo dell'amico Sullo, uomo dalle "idee chiare" per la ripresa della visione democratica. Per Bianco, i tempi della ripresa erano impregnati della visione culturale di Guido Dorso, degli uomini come La Terza, Maccanico, La Penna. Sullo anche sulla spinta di un frate, Domenico Evangelista, inizio' la sua attività politica integrandosi nella schiera delle idee democratiche. Da 25enne affronto' con grande preparazione uomini di tradizioni diverse, come gli eredi della visione gramsciana, riuscendo ad imporsi come un cavallo di razza imponendosi all'attenzione generale e della politica nazionale. Uomo di equilibrio e di rinnovamento: ebbe l'audacia delle riforme incidendo nella storia della provincia irpina. Era il pensiero che si realizza. Poi, tra applausi convinti per il pregevole intervento, Bianco rivolgendosi a Conte ha dichiarato: "  Lei signor Presidente ha bisogno di grande solidarietà  per uno sviluppo dell'Italia e in particolare del nostro Mezzogiorno. Lei può raccogliere l'eredità di Sullo che apparteneva alla schiera dei costruttori per un na visione democratica moderna e coraggiosa".
Standing ovation per Bianco a cui e' succeduto Gianfranco Rotondi. Il parlamentare ha evidenziato il carattere tenace di Sullo. (il ragazzo che da studente aveva spesso il ditino alzato), una metafora per far comprendere il carattere e la struttura culturale di Sullo  che sapeva mettere i difficoltà i seguaci  del fascismo provocando discussioni e dialogando e contraddicendo gli avversari. Per Rotondi, Sullo ha rappresentato il Maestro, colui che  seppe costruire la grande famiglia del cattolicesimo irpino. Le auguro, rivolgendosi al Premier, " di poter realizzare il concetto dell'ansia senza appagamento perché il Paese vuole una grande stagione di solidarietà".
Il Premier Conte intervenendo sul tema "Sullo e il contributo dei cattolici alla Costituente" ha ribadito, in particolare agli studenti intervenuti, l'impegno del grande Democratico Cristiano sul ruolo avuto nell'assemblea costituente, sul coraggio e le iniziative a difesa dei diritti e della libertà in particolare nelle diverse attività ministeriali. Per Conte, Sullo  " sollecito' il bene comune attraverso un miglioramento della qualità della vita dei cittadini: un presidio di garanzia , di equilibrio e di sensibilità istituzionale. L'attualità dei costituenti cattolici , ha terminato Conte, " assume una connotazione di grande responsabilità politica mettendo al centro il primato della persona. ".
Una giornata intensa aperta  con Franco Fiordellisi, Mario Melchionna e Luigi Simeone , i tre segretari generali provinciali di Cgil, Cisl e Uil, che hanno incontrato il presidente del Consiglio dei Ministri  al quale hanno consegnato il Dossier Irpinia.  Dalla Lioni Grotta ancora ferma, alla carenza di collegamenti ferroviari adeguati tra Benevento, Avellino, Fisciano e Napoli per la mancanza di treni e bretelle, il " caso" Novolegno  quello dell’indotto Whirpool, oltre alla IIA. Successivamente  la visita al Conservatorio Cimarosa con l'esibizione dei giovani musicisti, proseguita dopo la lezione al Teatro Gesualdo, con la visita alle industrie top dell'alta Irpinia, l'Altergon, l'Ema e l'Omi di Vallata. Dopo la giornata irpina, il Presidente del Consiglio è ripartito per la Capitale rinviando ad altra data la seduta per la cittadinanza onoraria che doveva ricevere in serata a Candela nel foggiano. 
Il Premier ha poi commentato con i giornalisti la " bella notizia che ha accompagnato la mia visita ad Avellino. 23 arresti contro la camorra, significa che ci sono uomini e donne delle Forze dell'Ordine che quotidianamente lavorano per contrastare la criminalità organizzata. Pertanto, dobbiamo ringraziare gli uomini che hanno reso possibile l'importante operazione a conferma che il Governo e' determinato a non abbassare mai la soglia dell'attenzione".
Ed infine, sollecitato dai cronisti sull'eventuale appartenenza all'idea democristiana, ha così risposto: " mi descrivete grillino, poi di sinistra, insomma di tutto. Ma le mie idee non cambiano, in quanto parlo sempre di nuovo umanesimo in quanto le sfide attuali sono quelle della tecnologia e del verde. Poi la Dc c'era un tempo,ma ora.....". A cura di - Antonio Porcelli-

  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
  • L'Irpinia abbraccia Conte: una giornata nel ricordo di Sullo  e della presenza dello Stato
Condividi: