CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Pd irpino: “Bene la scelta sulle cave, ma colpevole ritardo”

Pd irpino: “Bene la scelta sulle cave, ma colpevole ritardo”

Avellino- "La decisione di utilizzare alcune cave dismesse in provincia di Napoli per la sistemazione dei rifiuti stabilizzati, decisione resa ufficiale dal Presidente della Regione Caldoro, rappresenta per il Partito Democratico irpino ed in particolare per il Senatore Enzo De Luca una importante vittoria politica”. E’ quanto afferma in una nota il coordinamento provinciale del Partito Democratico.
“Per anni, infatti, il Senatore irpino si è fatto portatore di tale proposta, nella convinzione che se da un lato l’utilizzo delle cave avrebbe contribuito in maniera sostanziale alla soluzione dell’annosa emergenza rifiuti in Campania, dall’altro avrebbe consentito di sottrarre quelle aree al controllo della criminalità organizzata e di avviare, finalmente, un concreto progetto di bonifica ambientale sul territorio regionale. Una proposta che per anni ha incontrato indifferenza e scetticismo ma che, come si ricorderà, proprio su iniziativa del Senatore De Luca e del Pd nazionale, è stata approvata in Senato con voto unanime il 9 luglio del 2008 e poi inserita nel decreto legge n.196 del 26 novembre 2010, convertito in legge il 24 gennaio 2011.
Dopo oltre cinque mesi, dunque, l’indicazione di ricorrere alle cave dismesse pare trovare concretezza: nel salutare con favore l’annuncio del Presidente della Regione, tuttavia, non possiamo rinunciare a stigmatizzare il colpevole ritardo con il quale si è deciso di intraprendere questa strada. Un ritardo ancora una volta figlio dell’inadeguatezza di un governo regionale, sempre più incapace di decidere e di indicare soluzioni concrete perché prigioniero delle proprie contraddizioni politiche e dunque smarrito nel più assoluto immobilismo. Il nostro auspicio – conclude la nota – è che finalmente si passi dalle parole ai fatti, senza cedere a nuove tentazioni napolicentriche ma nel pieno rispetto di tutti i territori della Regione”.

Condividi: