CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Regione Campania, Rientro patto di stabilità, sanzioni non più in vigore

Regione Campania, Rientro patto di stabilità, sanzioni non più in vigore

Con la firma da parte del presidente della Campania Stefano Caldoro della certificazione della verifica del rispetto degli obiettivi del Patto di Stabilita’ interno 2010, non sono piu’ in vigore le sanzioni previste dalle due leggi che regolano le conseguenze dello sforamento: la 122 del 2010 recante misure sulla stabilizzazione finanziaria, e la 220 dello stesso anno, ovvero la legge di stabilita’ 2011.

In particolare, si legge in una nota diffusa da Palazzo Santa Lucia, sono tre le misure interessate al rientro nei limiti:i mutui, la spesa corrente e le assunzioni.

A partire da oggi, dunque, e’ di nuovo possibile contrarre mutui per spese di investimento. Sul fronte della spesa corrente viene meno l’obbligo di limitare gli impegni di spesa al minimo dell’ultimo triennio. Per quanto riguarda le assunzioni non ha piu’ efficacia il blocco.

Nel 2009, il Patto di stabilita’ interno era stato sforato nei pagamenti per 1 miliardo e 103 milioni di euro, pari alla differenza tra il risultato annuale delle spese finali (ovvero spese correnti nette e spese in conto capitale nette) e l’obiettivo, fissato in modo oggettivo su una serie di parametri previsti dalla legge.

Nel 2010, sono stati rispettati gli obiettivi sia per quanto riguarda i pagamenti (competenze piu’ residui) che gli impegni, ed e’ stata altresi’ ridotta la forbice tra questi ultimi ed i primi.

Condividi: