CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Rifiuti, il Tar smentisce Caldoro

Rifiuti, il Tar smentisce Caldoro

L’amministrazione provinciale irpina segna un punto nell’estenuante match sui rifiuti. Con un’ordinanza il Tribunale Amministrativo del Lazio ha dato mandato al dipartimento di Ingegneria del territorio, dell’ambiente e delle geo-tecnologie del Politecnico di Torino di effettuare i rilievi tecnici necessari all’accertamento dell’effettiva capienza delle discariche napoletane di Terzigno e Chiaiano, e di quella salernitana di Macchia Soprana.
La decisione segue il ricorso della Provincia di Avellino contro le cinque ordinanze della Regione Campania relative al trasferimento dei rifiuti dalle province di Napoli e Salerno nella discarica di Savignano.  La Regione, proprio su imposizione del Tar, avrebbe dovuto prima utilizzare i tre impianti oggetto della verifica e, solo dopo il loro esaurimento, gli sversatoi di Savignano e San Tammaro. “Il Tar del Lazio ha smentito la Regione Campania”, spiega l’avvocato Giancarlo Viglione, legale della Provincia di Avellino.
A Palazzo Santa Lucia, infatti, avevano dapprima supportato le ordinanze del governatore Caldoro con le certificazioni della Sapna (la società provinciale di Napoli che si occupa della gestione dei rifiuti su quel territorio) che sostenevano la saturazione delle discariche di Terzigno e Chiaiano, e poi avevano disconosciuto la validità degli accertamenti compiuti dall’Arpac, secondo cui i due siti hanno una capacità residua di ben 235mila tonnellate.
La relazione dei tecnici del Politecnico di Torino è attesa per il 13 ottobre, giorno in cui riprenderà la discussione del ricorso e arriverà la sentenza.

Condividi: