CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto

Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto

Si è svolta a Roma, presso l'aula dei gruppi parlamentari della Camera dei Deputati, la 1^ Conferenza dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume, in collaborazione con l’XI tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume.
Nel corso della prima sessione, dopo la presentazione del Coordinatore del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume, Massimo Bastiani, vi sono stati gli interventi dei rappresentanti di otto Regioni italiane nei cui territori sono stati avviati i percorsi previsti per l'istituzione dei Contratti di Fiume ed illustrate le esperienze più significative.
Per la Regione Campania è intervenuto il sen. Enzo De Luca, in qualità di Commissario dell’Osservatorio Regionale sulla Gestione dei Rifiuti e Coordinamento in materia di Parchi e Contratti di Fiume, che ha sottolineato l’importanza dei CdF per la tutela e la messa in sicurezza del patrimonio fluviale e la salvaguardia delle risorse naturali.
De Luca ha fornito, inoltre, importanti suggerimenti per la costruzione di un coordinamento efficace ed innovativo tra l’azione del governo centrale e quella delle singole regioni. Ciò al fine di utilizzare al meglio le risorse finanziarie nazionali e comunitarie, attraverso un approccio integrato fondato sulle esigenze e i fabbisogni reali espressi dai territori.
Dopo l’importante apporto istituzionale è stato chiamato da intervenire Michele Di Maio, sindaco di Calitri e rappresentante dell’Assemblea di Bacino del Contratto di Fiume dell’Alto Ofanto, il quale ha portato i saluti del Presidente dell’Assemblea, Rosanna Repole (Sindaco di Sant’Angelo Dei Lombardi), non presente alla conferenza a causa di un infortunio.
Il sindaco di Calitri, nel corso del suo preciso ed articolato intervento, ha presentato la metodologia e i contenuti delle proposte emerse dal Processo Partecipativo, attivato dal GAL CILSI nel dicembre del 2014 e conclusosi nel marzo del 2016 con l’approvazione da parte dell’Assemblea di Bacino della prima bozza del Programma di Azione ed ha annunciato l’apertura ufficiale della sede operativa del Contratto di Fiume dell’Alto Ofanto presso il Comune di Calitri.
Il Gruppo di Lavoro del CdF, rappresentato nella due giorni romana da Mario Salzarulo, Giuseppe Del Re, Serafino Celano e Michele Policano, ha consegnato ed illustrato al tavolo dell’Osservatorio Nazionale, coordinato dalla dott.ssa Gabriela Scanu, lo stato di avanzamento del Programma arricchito dei contributi degli stakeholder tecnici (Autorità di Bacino; Acquedotto Pugliese, dell’Alto Calore Servizi, Consorzio di bonifica della Capitanata, Ente Irrigazione, ARPA, ASI e ASL, INGV, Dipartimento Scienze e Tecnologia Università del Sannio, WWF e Legambiente).
Il sindaco Di Maio, nel precisare che le attività del CdF proseguono con il coinvolgimento dei 12 Comuni della provincia di Potenza ricadenti nel sottobacino idrografico dell’Alto Ofanto, ha evidenziato il suo impegno e quello dell’Assemblea di Bacino nel perseguire l’obiettivo della istituzione del Bio-Distretto, raccogliendo le indicazioni dell’Assessore regionale, Fulvio Bonavitacola, esplicitate nel corso del Forum svoltosi a Calitri il 6 febbraio 2016, sul tema  “La difesa dell’Ambiente come occasione di sviluppo”.
Infine, nell’ottica di un approccio coerente ai temi dello sviluppo sostenibile, il Sindaco di Calitri, ha spiegato la necessità di connettere l’azione del CdF con ogni opportunità di sviluppo sostenibile del territorio. A questo proposito ha citato il grande impegno degli operatori agricoli dell’area che, sempre più numerosi, convertono le produzioni convenzionali in biologiche e l’integrazione con il progetto della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese, illustrato nel Forum svoltosi a Caposele il 28 luglio 2017 alla presenza dell’On. Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Tasporti.
Nel corso della seconda giornata (6 febbraio), Giuseppe Del Re ha partecipato ai lavori dell’XI tavolo nazionale dei Contratti di Fiume ed ha avuto modo di intervenire sul tema della tavola rotonda “Dalla Ricerca alle buone prassi” sottolineando come il CdF Alto Ofanto abbia fatto proprie le proposte e i percorsi di integrazione tra ricerca e azione per il raggiungimento di risultati misurabili in termini di qualità dei fiumi e dei bacini, attraverso un approccio trans-disciplinare.
Ora, l’auspicio è che anche la Regione Campania riconosca e valorizzi il lavoro svolto dal basso e il protagonismo di istituzioni locali, cittadini, attori organizzati ed enti di ricerca, oggi rappresentati nell’Assemblea di Bacino del Contratto di Fiume dell’Alto Ofanto.

  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
  • Roma - Prima conferenza nazionale dei Contratti di Fiume con i rappresentanti del bacino dell'Alto Ofanto
Condividi: