CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca

Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca

Il Governatore Vincenzo De Luca ritorna in Alta Irpinia. Ad un mese esatto dalla sua ultima visita all’Ospedale Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi in occasione dell’inaugurazione del Centro Dialisi, De Luca è  tornato a Teora per inaugurare la nuova Area Pip.
Presenti per l’occasione alcuni sindaci come Michele Di Maio di Calitri, Vito Cappiello di Conza della Campania, Rosanna Repole di Sant’Angelo dei L., Ferruccio Capone di Montella, Yuri Gioino di Lioni, Gelsomino Centanni di Calabritto, Pietro Mariani di Morra De Sanctis, Salvatore Vecchia di Cassano. In rappresentanza del Comune di Avellino il Consigliere comunale Bruno Gambardella.
Presenti anche diversi rappresentanti politici e istituzionali come l’ex consigliere regionale Carlo Iannace, l’ex senatore Enzo De Luca, la Consigliera di Parità Domenica Lomazzo, Vanni Chieffo, il presidente della commissione provinciale per il Congresso del Pd Giuseppe Di Guglielmo oltre che tanti cittadini.
La nuova area Pip è una zona distante dal centro cittadino, nei pressi dell’impianto per i rifiuti, costruita dopo il Terremoto e che per anni è rimasta abbandonata. Grazie ai fondi dell’accelerazione della spesa 2013/2017 della Regione Campania, così come spiegato dal sindaco di Teora Stefano Farina, è stato possibile rimettere a nuovo l’area realizzando nuove strutture al posto dei vecchi prefabbricati per creare un polo di insediamenti produttivi dedicati all’artigianato e all’agroalimentare.
Ad assistere all’opera finita è stato proprio il presidente De Luca, seduto al tavolo dei relatori insieme alla presidente del Consiglio regionale Rosetta D’Amelio e Ciriaco De Mita sindaco di Nusco, nonché sindaco portavoce del Progetto Pilota.
“Quindici anni fa Teora decise di accogliere un impianto di umido, quello stesso impianto che oggi Teora ha deciso di ampliare e mettere in sicurezza. Ci siamo poi resi conto di dover espropriare dei terreni che non erano del Comune e da allora pensai di fare una richiesta alla Regione Campania per delocalizzare il terreno e creare un’area come questa che è di proprietà del comune, che aveva accolto le macerie del sisma e dunque degradata, ma per la sua posizione limitrofa al centro poteva essere utile al rilancio dell’economia del paese”, ha esordito Farina che ha aggiutno: “La richiesta fatta alla Regione Campania si è trasformata in questo che vediamo oggi. Non solo gli artigiani dell’epoca hanno trovato una degna collocazione, ma abbiamo intenzione di agevolare giovani imprenditori per il futuro che non avranno costi aggiuntivi, ma devono solo aggiungere qualche macchinario e iniziare a lavorare”.
Voglio aggiungere che mai come negli ultimi tempi abbiamo visto la Regione Campania vicina alle aree interne. Per crescere si ha bisogno di una regione Campania che sappia guardare anche alle aree interne. Un lavoro concreto come questo non poteva che essere inaugurato e avviato da una persona che ha fatto della concretezza il proprio modo di fare politica. Grazie presidente”, ha concluso Farina.
Di pochissime parole, invece, il Presidente De Mita che ha specificato: “Io non parlo ma non perché non ho nulla da dire, ma mi risparmio in vista dell’approvazione dell’Apq, mi spenderò per le risorse che dovremo avere”.
Molto atteso, invece, l’intervento di De Luca ed evidentemente soprattutto i sindaci si aspettavano un riferimento al via libera all’Accordo di Programma Quadro e alle risorse che verranno destinate al Progetto Pilota, per la precisione 26 milioni di euro. Il riferimento, per la verità c’è stato, ma molto veloce: “Decideranno le amministrazioni comunali come utilizzare le risorse. Si scommetterà sicuramente su artigianato, servizi sociali, scuole e viabilità. A voi sindaci e al Presidente De Mita chiediamo solo di non perdere tempo e appaltare subito i lavori”. 
A proposito di viabilità ancora una volta De Luca ha fatto riferimento ai 214 milioni di euro destinati proprio alle strade, facendo qualche puntualizzazione sulla Lioni-Grottaminarda: “Abbiamo stanziato 300 milioni per quest’opera e una delle cose più interessanti è che oltre all’asse interno Lioni-Grottaminarda, intendiamo realizzare un asse di collegamento autostradale tra l’area interna e la fascia costiera per una viabilità diretta".
L’intento della politica di De Luca rimane sempre lo stesso, come spiegato anche in altre occasioni: “Dobbiamo riequilibrare i livelli di sviluppo territoriale per dare giusta attenzione alle aree interne e creare anche qui opportunità di lavoro e di vita. Non possiamo permetterci di avere sviluppo nelle aree metropolitane e desertificazione nelle aree interne. Vi assicuro che per l’Alta Irpinia c’è molta attenzione
“Stiamo facendo davvero delle belle cose. Questa conclusione di questo intervento è molto significativo ed è una testimonianza di come fare qualcosa di concreto legato al territorio”, ha dichiarato De Luca che ha poi messo in evidenza la natura dell’opera realizzata a Teora: “Questo che abbiamo visitato poco fa è un luogo di formazione importante per l’economia turistica, alberghiera, per la valorizzazione dei prodotti dell’artigianato e in particolare per i prodotti agroalimentare”.
I punti su cui si fondano le promesse e la politica di De Luca appaiono sostanzialmente sempre gli stessi: “Pubblicheremo un bando di 20 milioni di euro per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese, aiutando i giovani che hanno imprese di qualità e vogliono aprire il proprio mercato anche ad altri Paesi del mondo. Vogliamo garantire mobilità e infrastrutture immateriali, come la banda larga in tutte le aree interne. So che sembra una cosa lontana e che non suscita entusiasmi, ma se non portiamo internet veloce sarà difficile per un imprenditore moderno collocare qui una sua attività. Stiamo cercando d creare tutte le precondizioni per un nuovo processo di sviluppo in tutta l’area dell’Irpinia”.
Altri punti cardine Scuola e Sanità: “Stiamo portando avanti interventi importanti. Credo si stia determinando una stagione di grandissime opportunità per l’Irpinia e che registra una straordinaria attenzione da parte del Governo regionale per una scelta politica, ma anche per una vicinanza umana a queste terre, che sono luoghi da cui veniamo”. 
Per concludere De Luca ha fatto un excursus sull’emergenza dei rifiuti organici che attanaglia l’Irpinia, mettendo in evidenza l’importanza di creare degli impianti di compostaggio in Campania per evitare ulteriori problemi e attenersi alle regole europee. Tuttavia quello degli impianti di compostaggio in Irpinia è un tema che sta creando non poche polemiche: “L’impianto di compostaggio è un’opera strategica. Noi ancora oggi paghiamo come Regione Campania all’Unione Europea 130mila euro al giorno di multa per infrazione ambientale perché non abbiamo eliminato le ecoballe, non abbiamo bonificato le discariche e non abbiamo realizzato un’impiantistica”, ha spiegato De Luca che ha aggiunto immediatamente: “Abbiamo approvato un nuovo piano rifiuti che non prevedere più impianti di termovalorizzazione, però se vuoi mantenere un ciclo integrato di rifiuti devi realizzare gli impianti di compostaggio. Oggi in Campania non ce ne sono, tranne a Salerno. Questi impianti sono strategici perché se non facciamo tutte le cose appena elencate, tra ecoballe e tutto il resto, l’Unione Europea ci chiederà di fare i termovalorizzatori. Una cosa o l’altra. Il nostro piano regge solo se realizziamo 10/15 impianti di compostaggio”.
Per convincere i cittadini irpini De Luca è passato subito alla parte concreta di questo tipo di interventi: “L’impianto è utile a voi perché risparmiate quasi 60/80 euro a tonnellata di umido da smaltire che ora viene portato a Padova o in Sicilia. Le spese di trasporto si pagano e sono i cittadini a pagare. Poi c’è l’opportunità di mettere a lavorare qualche ragazzo. Quindi bruciamo i tempi perché pagare 130mila euro al mese è un delitto e badate che Bruxelles non ci fa nessuno sconto”. Imma Finelli -

  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
  • Teora - Inaugurata la nuova Area Pip: occhi e orecchie puntate sulle promesse di De Luca
Condividi: